È ancora un rebus come e perché è morto Domenico Maurantonio, lo studente di 19 anni precipitato dal quinto piano di un hotel di Milano. Le indagini del pm di Milano, Claudio Gittardi, e degli uomini della Squadra mobile proseguono anche dopo i primi e ancora non definitivi risultati degli esami tossicologici ovvero la presenza di poco alcol nel sangue e l’assenza, a quanto pare, di lassativi.

Si era ipotizzato che a causare la morte di Domenico fosse stato uno scherzo finito male durante una serata molto alcolica, ma qualcosa non torna in questa prima parziale ricostruzione. Quindi alcuni ragazzi, che facevano parte del gruppo di studenti padovani in gita a Milano la sera in cui il 19enne morto, sono stati sentiti nuovamente. Il pubblico ministero li ha fatti convocare e arrivare da Padova nel più stretto riserbo, per non alimentare le polemiche che si sono susseguite in questi giorni.

I compagni del 19enne sono stati ascoltati ieri pomeriggio negli uffici della Squadra mobile di Milano nel giorno di una messa celebrata per ricordarlo. Da quanto emerso finora, però, gli investigatori aspetterebbero a pronunciarsi anche dopo i primi esiti tossicologici: vero, infatti – fanno notare in ambienti vicini alle indagini – che le tracce di alcol erano moderate e che non è stato trovato lassativo, ma bisogna attendere ancora per capire quanto di quell’alcol sia stato assorbito o espulso e risalire all’esatta quantità ingerita. Questo mentre l’assenza di lassativi non esclude la presenza di qualche altra sostanza. Su un unico punto certo pare che gli investigatori propendano, cioè che quanto successo non abbia una matrice dolosa. Anche se ufficialmente non si esclude ancora nulla, la bravata finita male rimane la pista più verosimile.

Ieri sera, forse perché probabilmente ancora a Milano, alla messa celebrata nella chiesa di Altichiero, mancavano i compagni di classe, secondo quanto riporta Il Mattino di Padova. “Ho visto che non è venuto nessuno della classe, sono dispiaciuta” ha detto la mamma di Domenico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Non si sono accorti che qui c’era la mafia, ora danno alla stampa notizie sulla mia pistola”

next
Articolo Successivo

Migranti, i soldi per l’assistenza in case, biglietti e ricariche: due arresti a Napoli

next