Al via il processo che vede imputato Javier Rigau Rafols. Le accuse nei confronti dell’imprenditore spagnolo sono di truffa e falso per aver sposato l’attrice Gina Lollobrigida  “a sua insaputa” e per averle fatto firmare degli atti senza che la donna sapesse che cosa effettivamente contenessero.

Correva l’anno 2010, era il 29 novembre. Rigau Rafols e Lollobrigida una volta erano fidanzati, poi si erano lasciati nel 2006. Lui però, oggi  54 anni, voleva sposare “la Lollo”, che di anni ne ha 87. Così avrebbe deciso di inscenare un matrimonio in Spagna. Secondo il pm Claudia Terracina avrebbe architettato l’unione per poter risultare marito, e quindi erede di Lollobrigida, così da poter mettere le mani sull’eredità.

E sull’altare, a Barcellona, al posto dell’attrice italiana ci sarebbe stata un’altra donna: anche lei attrice, ma opportunamente ingaggiata per fare la parte della Lollo. Un matrimonio senza la vera sposa quindi. Ma pur sempre valido. Questo perché Rigau Rafols avrebbe fatto firmare delle carte a Lollobrigida con l’inganno. Lei cioè, avrebbe messo il suo nome sopra dei documenti, non sapendo che cosa effettivamente fossero. Si sarebbe trattata di una procura, per permettere a qualcun altro di fare la parte della neo moglie sull’altare. Maria de Pilar Guimera Gabilondo si sarebbe così sposata con Rigau Rafols in nome della Lollo.

Circa il processo, ci sarà anche una seconda udienza, che è attesa per il 17 settembre, giorno in cui l’ex star del cinema racconterà la sua versione dei fatti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Madonna posta su Instagram un bacio gay tra israeliano e palestinese. Il web si divide: “E’ amore o pubblicità?”

next
Articolo Successivo

Madre sfida le leggi anti gay e pubblica il primo annuncio omosex della storia indiana: “Cerco sposo per mio figlio”

next