Succede nel serale di Amici del 2 maggio: Matteo Briga canta Imagine di John Lennon aggiungendo – in maniera oserei dire abominevole – parole personali, versi parlati che richiamano le tragiche vicende dei migranti nel canale di Sicilia.

La Bertè la prende malissimo dicendo che: 1) Imagine non si tocca; 2) l’intera faccenda è un’operazione estremamente opportunistica, perché secondo lei è solo una bassa strumentalizzazione di 900 morti.

A quel punto Emma, che ha Briga in squadra, si assume completamente la responsabilità dei contenuti e dello stravolgimento del brano di Lennon. E lì volano stracci.

Tra questi stracci c’è anche una godibilissima dissertazione di filosofia estetica di Emma Marrone sull’arte e sulla libertà artistica, rivolta anche a Francesco Renga, anch’egli trovatosi spiazzato dalla contaminazione artistica di Briga a Imagine.

Queste le parole di Emma:

«Vogliamo essere tutti all’avanguardia, ma poi nella vita chi prova a uscire un attimo dal seminato e a usare l’arte per fare qualcosa di più, che vada al di là del semplice bel canto, del semplice compito, non viene mai capito. Il diverso fa sempre paura, perché siamo abituati a vivere nella normalità. Mi sconvolge questa roba qua. Io comunque continuerò a restare dalla parte di chi è diverso e a osare sempre. Io credo che nell’arte si può fare tutto, perché a questo punto Imagine non la dovrebbero cantare nemmeno ai karaoke d’estate».

Pronta la risposta della Bertè: «Imagine l’hanno cantata tutti ma nessuno si è permesso di mettere delle barre del cazzo».

Gioco, partita, incontro per la Bertè, si potrebbe pensare. Sì, ma il discorso credo vada leggermente approfondito, rispetto all’ingenuità pseudo-impegnata con la quale lo affronta Emma Marrone e alla sintesi poetica di Loredana Bertè: se tu fai i baffi alla Gioconda e non hai le intenzioni di Duchamp, ma vuoi fare qualcosa che artisticamente valga di per sé, devi realizzare qualcosa che valga almeno il dolore dello stravolgimento, il prezzo estetico della modifica.

Quello che fa Briga è una porcheria. Emma dice che chi va al di là non viene mai capito; purtroppo per lei invece Briga l’abbiamo capito benissimo.

Gioco, partita, incontro per la Bertè. Non credo ci sia molto altro da aggiungere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonello Venditti, ecco il nuovo album ‘Tortuga’. La recensione

next
Articolo Successivo

Steve Albini, guru del rock indipendente americano, torna in Italia con i suoi Shellac

next