di Carblogger

380x280_promo_panda_scooterGli incentivi Fiat Alfa Romeo e Lancia sono stati annunciati il primo aprile. Un pesce, ho pensato subito anche perché quel giorno stavo all’estero. E invece no, tutto vero: 2.000 euro di sconto per chi rottama l’auto e ne acquista una nuova dei marchi italiani, 3.000 euro se lo si fa attraverso il finanziamento di FCA Bank (a Torino conviene la seconda, perché è sulla finanza che si guadagna davvero), più quel che ci mettono di tasca propria i concessionari. Ma come sta andando questa campagna di primavera a fine aprile? E verrà rinnovata a maggio?

Incentivi Fiat, comincio a fare qualche telefonata, poi vado la settimana scorsa a Verona all’Automotive Dealer Day dove sento molte cose (tipo: il prezzo non conta più o come si vende via Facebook), vedo gente e parlo con qualche concessionario. Di una rete stremata dall’assenza di prodotti nuovi Alfa Romeo e Lancia, Fiat 500X a parte che qualche mugugno mi fa capire non volerebbe come la cugina Jeep Renegade.

Allora? Gli incentivi Fiat avrebbero funzionato alla grande (grazie, la crisi non è finita). Soprattutto a Roma, con oltre il 35%, mentre in Sardegna pare siano a +80%. Sarebbero andati meno bene al nord, dove le vendite aggiuntive sarebbero state intorno al 15% salvo superare il 20% in quest’ultima settimana, così così al sud. Dall’interno mi dicono che l’obiettivo di FCA è di portare la quota nazionale di aprile al 29%, soglia oltre la quale la campagna sarebbe rinnovata per il mese di maggio. Visti questi numeri, sembrerebbe cosa fatta.

Ma a chi convengono questi incentivi?

Nell’ordine, ai consumatori  innanzitutto. Una Fiat 500 o una Fiat Panda – per dire di due ottimi prodotti – con questi sconti nemmeno nel libro dei sogni.

A pari merito conviene a FCA, che così difende la quota e anzi la incrementa se i dati verranno confermati. Non solo: le auto aggiuntive vendute con gli incentivi sono in realtà ordini, non ci sono le macchine nella rete. Se la campagna viene estesa a maggio, FCA spalmerà la produzione fino a luglio e, come mi dice un concessionario, “ha fatto l’anno”.

A Verona, ho capito però che ai concessionari gli incentivi non piacciono molto perché non convenienti, qualcuno dirà: tanto si lamentano sempre. Perché? Secondo i loro numeri, oltre il 70% di vendite grazie agli incentivi sono per la Fiat Punto a 7.500/7.900 euro, cioè senza margini.  La Panda va, meno la 500. Insomma, non ci guadagnano.

Non c’entra nulla perché la rilevazione è precedente, ma all’Automotive Dealer Day la stessa rete su cui stanno piovendo questi incentivi ha espresso insoddisfazione nei rapporti con i tre marchi di casa nel DealerSTAT annuale, una classifica che in genere si basa sull’assioma concessionario che guadagna con prodotti nuovi e di appeal/concessionario che premia la casa madre.

I marchi Alfa Romeo, Fiat e Lancia sono finiti nella parte bassa della classifica, stilata sulla base di un questionario cui hanno risposto oltre 1.200 operatori.  E non a caso ha vinto il marchio che fa guadagnare di più i suoi venditori. Forse da FCA la rete vorrebbe un altro tipo di incentivi. Ma qui mi fermo.

twitter @carblogger_it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, c’è qualcuno che boccia Marchionne

next
Articolo Successivo

L’auto tra Facebook e la privacy – Replica

next