Nicola Delvecchio, 56 anni, operaio dell’Italgas è morto sabato a Barletta a causa dell’esplosione avvenuta mentre erano in corso lavori per fermare una fuga di gas in un salone di parrucchiere. Tre i feriti: un altro operaio, ricoverato a Barletta, il comandante dei vigili urbani Savino Filannino, che ha riportato una frattura al piede, e un vigile del fuoco che ha una ferita alla testa. Entrambi sono ricoverati al Bonomo di Andria.

La segnalazione del cattivo odore di gas era stata fatta da alcuni residenti in via Milano ai vigili urbani attorno alle 14. L’assessore alla polizia municipale Marcello Lanotte, Filannino e tecnici dell’Italgas e Vigili del fuoco erano andati a verificare. Gli operai hanno trovato la fonte della perdita e hanno iniziato a scavare. Mentre lavoravano c’è stata un esplosione. L’assessore, che si era allontanato per prendere il caricabatterie del cellulare in macchina, è rimasto illeso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

25 aprile, vincono gli studenti: volti puliti, contenuti e una nuova idea per Milano

prev
Articolo Successivo

Lo Porto, fratello: “Ridateci il corpo. Aula vuota? Mi vergogno di essere italiano”

next