Un illustre nemico del fumetto

In un raccontino edificante (I figli a scuola), contenuto nella raccolta La messa dei villeggianti (1959), Mario Soldati indossa i panni del laudator temporis acti. I bambini delle elementari non hanno più l’aria dei soldatini in divisa di una volta, con i loro zaini o tracolle “di cartone e tela cerata” (p. 64), ma sembrano, come i loro colleghi più grandi, “tanti avvocati o procuratori o contabili o commessi viaggiatori, che si affannino a campar la vita sorreggendo le loro pesanti borse colme di pratiche, registri, campionari” (p. 65); bersaglio didattico di un’educazione ‘enciclopedica’ e ‘superficiale’, studiano “di tutto un po’ e di nulla sul serio: ogni cosa in fretta, in furia, senza ordine, senza calma e senza amore” (ibid.); non leggono più il ‘magico’ e ‘poetico’ Giulio Verne, e neanche il pure assai meno impegnativo Emilio Salgari, ma si pascono invece di un genere pervasivo: “Imperano i libretti con i fumetti. Il bambino non deve neanche più fare la fatica di leggere. E l’illustrazione, la rara illustrazione, una per capitolo tutt’al più, sulla quale un tempo noi lungamente fantasticavamo, è ormai ammannita a chilometri di vignette, una vignetta per periodo, una per frase, una per battuta di dialogo. Così che il gusto della favola, che è uno dei princìpi della letteratura, e quindi della cultura umana, si perde, si è già perduto. Le menti dei nostri fanciulli sono regredite a quelle dei villani analfabeti che una volta, nelle fiere, si affollavano ad ammirare le povere immagini di qualche leggenda o fattaccio: un cantastorie le sciorinava loro dinanzi e le sue spiegazioni non erano più sommarie né più rozze di queste dei fumetti” (p. 66). Storie che conosciamo bene.

Dalle origini al Ventennio

Durante il Ventennio, fra il 1936 e il 1939, proprio i più famosi romanzi di Salgari erano stati convertiti in fumetto. Intanto, nell’autunno del ’38, il regime aveva vietato l’importazione di tutti i comics (o funnies) americani, fatta eccezione per Topolino (all’inizio Topo Lino) e Paperino, apparsi nei primi anni Trenta; un brutto colpo per L’Avventuroso (1934-1943), dove si potevano leggere, oltre alle storie disneyane, le appassionanti vicende di Mandrake, di Flash Gordon, dell’Uomo Mascherato.

Il triennio 1934-1937 è l’âge d’or del genere, i cui vari esemplari sono ospitati su settimanali di grande formato e generalmente pluritematici (Il Monello, L’Intrepido, L’Audace, Il Vittorioso, etc.). Tutto era iniziato agli albori del Novecento: fra le “sporadiche tavole dei Katzenjammer Kids, di Foxy Grandpa e di Yellow Kid […] pubblicate nella forma originaria statunitense” (Franco Restaino, Storia del fumetto. Da Yellow Kid ai manga, Torino, Utet, 2004, p. 271), nel 1904, sul Novellino di Yambo (Enrico Novelli), e il 27 dicembre 1908, con l’uscita del primo numero del Corriere dei Piccoli, allegato all’edizione domenicale del Corriere della Sera. Il ‘supplemento illustrato’ del quotidiano di via Solferino, in realtà, aveva piuttosto i connotati di un racconto per immagini e testi, come si usava allora: rese orbe dei diseducativi balloons degli originali americani le une, consistenti di didascalie – in forma di accoppiate di ottonari rimati; ad abbatterle ovunque, per la prima volta, L’Avventuroso – gli altri: ‘1. “Bianco e rosso e tondolino / oh che amore di bambino! // 2. Dice Mimmo a Mammoletta: – “Or facciamo una burletta. // 3. Imbottisco come va / i calzoni di papà.” (27 dicembre 1908, anno I, num. 1); “1. Starò fuori un mese, e porto / via la chiave del mio orto, – / dice Franz – ma è caldo assai / e purtroppo i miei rosai, // 2. che nessun più avrà innaffiati, / troverò certo seccati… / Il rimedio al triste caso / già sa Moritz che ha buon naso” (9 luglio 1911, anno III, num. 28).

Fumetto, per ‘nuvoletta’, si era affacciato timidamente nella dizionaristica all’inizio degli anni Quaranta; non molti anni più tardi avrebbe indicato anche il ‘racconto’ e il ‘genere’, via via sostituendo le varie locuzioni adoperate fino a quel momento (come storie e storielle figurate o a quadretti, composte a loro volta di tavole a quadretti). La parola, in realtà, circolava già nel decennio precedente. Il suo probabile inventore, Antonio Rubino, aveva così intitolato un interessante articolo: Parliamo un poco di noi. Che cosa sono i ‘Fumetti’ (Paperino e altre avventure, num. 29, 14 luglio 1938). Il resto alla prossima puntata.

di Massimo Arcangeli, Sandro Mariani

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Expo 2015, pizza vs McDonald’s: chi vincerà?

next
Articolo Successivo

Yoga, la spina dorsale è tutto

next