Frankfurt Motor Show IAA - Preview Daimlerdi Carblogger.it

Auto elettrica, ma quanto mi costi? Il prezzo alto è uno dei primi freni all’acquisto di auto a emissioni zero, così come di auto ibride. Tornando dal Salone di New York, mi sono reso conto meglio di quanto in America siano avanti, benché i numeri di questo mercato virtuoso non facciano sfracelli neanche lì. Detto che tutti i costruttori hanno tagliato i prezzi dei rispettivi modelli a batteria – si perdono comunque soldi ma tanto vale alzare i volumi in modo da restare in linea con i crediti sulle emissioni – negli Stati Uniti l’auto elettrica viene spinta in due modi e in molti Stati: sconto e detrazione dalle tasse.

Mi capita tra le mani una tabella del National Council of State Legislatures e vedo subito che ognuno segue la sua strada. Gli incentivi federali più alti sono nello Stato di Washington, addirittura fino a 19.000 dollari in vantaggi fiscali, a distanza c’è il Colorado con 6.000 dollari, ultima a sorpresa la California (insieme alla Georgia) con 2.500 dollari.

L’Illinois invece, punta sullo sconto all’acquisto, 4.000 dollari, mentre il Texas (Stato del petrolio) scende a 2.500 dollari, con incentivi a termine il 26 giugno quando si prevede finiranno i 7,75 milioni messi dal governo locale. Altra cosa, gli incentivi possono variare secondo la grandezza del pacco batterie: così, se le elettriche Nissan Leaf e la Tesla Model S prendono il massimo di 7.500 dollari, la Toyota Prius plug in riceve 2.500 dollari.

Per l’auto elettrica ci sono poi incentivi locali, legati ad altri programmi a termine. Beati loro, vien da dire vivendo in Italia. Dove ogni tanto si fa qualche promessa, ma di fatto continua a non succedere praticamente nulla: qui il governo sta cercando soldi per non aumentare l’Iva nel 2016, e dobbiamo pure ringraziare.  Se però Matteo Renzi e compagni (!) avessero un giorno idee e risorse per l’auto virtuosa, consiglierei di puntare sugli sconti e non sulle detrazioni: i primi valgono per tutti, le seconde valgono solo per chi ha reddito.

twitter @carblogger_it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uber e il futuro dei taxi robot

next
Articolo Successivo

Auto che guida da sola, Inghilterra 3 – Italia 0

next