“Nei primi 20 giorni di febbraio sono 76mila le richieste arrivate dalle imprese per accedere alla decontribuzione per assunzione a tempo indeterminato”. Lo ha comunicato il presidente Inps, Tito Boeri, osservando che “i primi dati sono incoraggianti” e “le assunzioni potrebbero essere molte di più” rispetto a quelle attestate dalle richieste arrivate finora: i dati completi arriveranno a fine maggio.

A prevedere l’azzeramento per tre anni dei contributi previdenziali per i nuovi assunti nel 2015, fino a un tetto di 8.060 euro l’anno, è stata l’ultima legge di Stabilità. La relazione tecnica allegata al provvedimento stima in 1 milione i posti di lavoro aggiuntivi che potrebbero essere generati dall’intervento, il cui costo per le casse dello Stato è di 4 miliardi di euro spalmati su 4 anni. Il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan è stato invece più cauto, parlando di 800mila nuovi posti di lavoro. Entrambe le stime sono state però contestate dall’Ufficio parlamentare di bilancio: secondo il presidente Giuseppe Pisauro, “600mila potrebbero essere contratti che comunque sarebbero a tempo indeterminato e 400mila contratti a tempo che si trasformano. Quindi l’impatto sull’occupazione potrebbe essere zero”. Dubbi che si applicano anche alle assunzioni annunciate dall’economista della Bocconi: per ora non si sa quanti di questi nuovi dipendenti lavorassero già con contratti precari nelle aziende che hanno chiesto la decontribuzione.

Boeri ha reso noti i numeri nel corso di una conferenza stampa per la firma della convenzione tra Inps, sindacati e Confindustria sull’attività di raccolta, elaborazione e comunicazione dei dati sulla rappresentanza delle organizzazioni sindacali. Mettendo insieme gli iscritti e i voti ricevuti nelle elezioni delle Rsu, verrà determinato l’indice di rappresentatività di ogni sindacato. E solo quelli con un indice superiore al 5% saranno ammessi alla contrattazione nazionale. Il procedimento è quello previsto dal testo unico sulla rappresentanza del 10 gennaio 2014. Secondo Boeri la convenzione “permette di arrivare a una misurazione obiettiva della rappresentatività delle organizzazioni sindacali ai fini della contrattazione” ed è “un passo importante per assicurare stabilità al sistema delle relazioni industriali e alla contrattazione. E’ un fatto di democrazia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bimbo trova lavoro al papà disoccupato grazie ai nonni di un compagno di scuola

next
Articolo Successivo

Seat Pagine Gialle non rinnova contratto col call center: a rischio 450 dipendenti

next