Il Parlamento europeo ha fissato nuovi massimali per i pagamenti con carte di credito e di debito. Per le operazioni transfrontaliere di carte di debito il massimale è fissato a 0,2% del valore della transazione, mentre per le transazioni con carta di debito nazionale lo stesso tetto dello 0,2% sarà applicato dopo un periodo di transizione di cinque anni durante il quale gli Stati membri possono fissare massimali allo 0,2% del “valore complessivo annuo delle operazioni nazionali tramite carta di debito all’interno di ciascun circuito di carte di pagamento”. La normativa è stata approvata dal Parlamento europeo riunito in sessione plenaria a Strasburgo con 621 a favore, 26 contrari e 29 astensioni.  Inoltre per le transazioni minori con carte di debito nazionali gli Stati membri avranno la possibilità di fissare una commissione massima pari a 0,05 euro per ogni transazione alla scadenza di un periodo di transizione di cinque anni. Per le operazioni con carta di credito le spese saranno limitate a un massimo dello 0,3% del valore della transazione, mentre gli Stati membri potranno fissare un massimale inferiore per le transazioni con carte di credito nazionali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tenaris, il gruppo del presidente di Assolombarda Rocca dichiara 400 esuberi

next
Articolo Successivo

Caltagirone Editore, il 2014 si è chiuso con un rosso di 37,2 milioni

next