Caltagirone Editore ha chiuso il 2014 con un rosso di 37,2 milioni di euro (era di 75,4 milioni nel 2013) su ricavi operativi per a 170,1 milioni, in calo del 6,3% rispetto all’anno prima (181,5 milioni). I risultati nel 2014, osserva l’editrice del Messaggero, “hanno continuato a risentire della congiuntura negativa che caratterizza da anni il settore editoriale italiano. Le efficaci politiche di controllo e riduzione dei costi messe in atto negli esercizi precedenti, le ristrutturazioni aziendali realizzate ed il buon andamento delle attività digitali hanno consentito tuttavia di mitigare almeno in parte l’andamento negativo del settore”. Nel 2014 la raccolta pubblicitaria sui quotidiani cartacei si è attestata a 81 milioni di euro (90,8 milioni di euro nel 2013), mentre la raccolta su digitale ha registrato un +46,3% rispetto al 2013 contro una media del settore che nell’anno si è attestata a +2,1% (Osservatorio FCP – Assointernet). Il fatturato pubblicitario da internet ha superato, nel 2014, la soglia del 10% del fatturato pubblicitario complessivo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carte di credito e di debito, Parlamento europeo fissa i tetti delle commissioni

next
Articolo Successivo

Economia illegale e sommersa, “per l’Italia vale almeno 250 miliardi di euro”

next