Reduce da numerose fiere e appuntamenti vinicoli mi convinco sempre di più che l’assaggio seriale ai banchetti serva soprattutto a farsi un’idea delle annate e delle tipologie e a riempire la memoria dello smartphone (o dell’app vivino) di fotografie di etichette, ma che sia inadatto per per capire e amare un vino. Per questo ci vuole sempre più tempo, una bottiglia, un pasto e magari un convivio. Metodo con cui ho scoperto tre bellissimi rossi lontani da riflettori, guide e chiaccchiere altisonanti.

Costa della Sesia Rossa 2010 Colombera

La storia enologica dell’alto Piemonte è una di quelle per cui vale sempre la pena spendere qualche riga. Da grande polmone viticolo un secolo fa a zona industriale durante il boom, si è trasformato nell’ultimo decennio abbondante in un’oasi di piccoli avamposti romantici dove si producono vini sinceri e austeri. Ogni scoperta ha un implicito valore letterario, come quella della famiglia Colombera che imbottiglia da un decennio e si è fatta notare soprattutto per uno dei Bramaterra migliori sul mercato. Ultimamente ho avuto modo di assaggiare il loro splendido Costa della Sesia Rossa (dominanza nebbiolo + croatina e vespolina, annata 2010): vino di grande precisione e pulizia, succoso e snello, dalla beva travolgente e dal tannino elegante. Tra i migliori rossi provati da molto tempo, con un rapporto qualità/prezzo eccellente.

Victoret Gabriella Minuzzo

Rimaniamo in zona anche se sconfiniano in Valle D’Aosta, regione dalla produzione piccola quanto varia e dalla grande potenzialità per ricchezza di autoctoni (bianchi e rossi) e bottiglie di grande livello. Il Victoret della Minuzzo ne è una lampante dimostrazione: esce con la semplice dicitura “vino rosso” da tavola, ma è un rosso di grande bellezza e fragranza. Sin dalla etichetta si è spaesati e si comincia il toto vitigno: la zona e il profilo chiamano Mayolet. Eppure il carattere ha anche qualcosa del nebbiolo, nonostante sia altamente improbabile ce ne sia. Il profilo è sottile e ricco, un vino piccolo e vero che riempie la bocca e si fa bere con piacere.

Cirò Cataldo Calabretta 2012

Dall’estremo nord all’estremo sud senza sentire estreme differenze nel bicchiere, a conferma dell’eleganza del Cirò, rosso dalle grandi potenzialità, con una rinascita in mano a una serie di cantine che vengono dallo sfuso. Differentemente dalle altre due cantinte conosco Cataldo Calabretta da un paio di anni: il Cirò è il loro vino di punta, ma necessita di un po’ di tempo. A ribere oggi il 2012, provato per la prima esattamente un anno fa, si scopre un rosso più profondo ed equilibrato, con un tannino molto più fine. Il frutto è intenso e il sorso vibrante, il finale lungo e salmastro. Per legittimare il valore della tipologia si tende sempre a paragonarlo al nebbiolo, eppure questa bottiglia a mio parere ha più una verve da sangiovese di razza. Quisquiglie.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Luci e ombre”, la mostra fotografica che si ispira a Caravaggio

next
Articolo Successivo

Pomodoro “SuperBio”, da uno studio dell’Università di Pisa ai campi coltivati

next