I finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno arrestato in flagranza di reato un funzionario della Regione Lazio, Ascenzo Cimaglia, in servizio presso la Direzione Regionale per lo Sviluppo economico e le Attività produttive per aver chiesto una mazzetta da 1.000 euro dal responsabile di una Onlus del Lazio che negli anni scorsi ha beneficiato di finanziamenti rivolti alla realizzazione di iniziative a vantaggio dei consumatori. L’arresto, eseguito dal Nucleo di Polizia Tributaria della Capitale, è scaturito proprio dalla denuncia presentata dal responsabile della Onlus che ha raccontato alle Fiamme Gialle di aver ricevuto la richesta di mille euro da parte di Cimaglio con il pretesto di sostituire la caldaia di casa. Uno scambio di denaro ripreso attraverso uno micro-telecamera e che ha permesso l’arresto del funzionario della Regione Lazio

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Travaglio vs Orfini: “Il decreto ambiente ha fatto disastri”

next
Articolo Successivo

Premio Grinzane Cavour, ex presidente condannato a pagare 6 milioni

next