Adesso, leggeremo e sentiremo frasi e propositi da Apocalisse: l’inizio della fine, lo scontro finale, la sfida mortale, e via dicendo. L’orrore e lo sgomento per la strage terroristica a Charlie Hebdo innescano reazioni forti, propositi duri. Ed è sacrosantamente giusto dare la caccia ai responsabili, mandanti ed esecutori, individuarli, catturarli e perseguirli.

E, poi, è difficile misurare le parole e le reazioni, con la mente in tumulto e il pensiero ai colleghi che erano maestri d’ironia e satira, due forme d’espressione che integralisti e terroristi aborrono, perché implicano il mettersi in discussione e il sapere riconoscere i propri difetti e le proprie colpe.

Ma, nella guerra al terrorismo, in un conflitto dov’è in gioco la libertà, in tutte le sue sfaccettature, di fede religiosa, di linea politica, pure di pensiero e d’espressione, noi dobbiamo avere la lucidità, la fermezza e il coraggio di non tradire noi stessi e i valori che difendiamo.

E’ già successo, e solo pochi anni or sono, che, per debellare i terroristi, ci siamo messi sul loro stesso piano: abbiamo utilizzato metodi e strumenti che non appartengono più alla nostra civiltà, anche se sono nella nostra storia; abbiamo negato loro giustizia e diritti, quasi tornando alla legge del taglione; ci siamo affidati alle armi e alle bombe, alle invasioni e alle occupazioni. E, intanto, dicevamo, con retorica retriva, di volere vincere “la battaglia dei cuori e delle menti”.

E così, facendo d’ogni erba un fascio, abbiamo alimentato ostilità e rancore nei nemici del dialogo, fra i proseliti dell’odio; e, spesso, ce li siamo allevati in seno, nelle periferie del degrado, là dove alligna il nuovo segregazionismo delle nostre metropoli.

Perché il nemico non è una religione, e neppure un’etnia; lo scontro non è tra due civiltà, ma tra chi afferma la civiltà dell’uomo, della parola, del pensiero, della solidarietà e della tolleranza, ovunque egli stia, e chi la nega. E se ne esce vincitori non accettando di combattere sul terreno dei ‘cattivi’, efferatezza e negazione dei diritti; ma restando fermi sul nostro terreno, pietas per le persone e rispetto dei diritti.

Se no, vincono loro, i terroristi, gli integralisti, gli oscurantisti. La Francia, l’Europa, l’Occidente non facciano proprie formule xenofobe e non cerchino scorciatoie all’impegno di generazioni; e rispondano con fermezza e all’unisono, colpendo i responsabili e non criminalizzando gruppi o comunità.

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charlie Hebdo, mitra contro vignette

next
Articolo Successivo

Nigeria, Shell risarcirà con 70 milioni di euro gli abitanti del Delta del Niger

next