Mi viene in mente la morte di Reiser. Ve lo ricordate? Il più grande vignettista francese insieme a Wolinski. Era malato di cancro e per la sua ultima copertina di Charlie Hebdo disegnò una bara che camminava con due piedini (i suoi) e la scritta: “Reiser sta meglio, va al cimitero a piedi.”
Di prendere per il culo la morte Wolinski non ha avuto il tempo, i terroristi hanno più fretta del cancro. Ma la mamma è la stessa.

satira islamica

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Je suis Charlie, media “offrono” i loro giornalisti per salvarlo. Solidarietà online

next
Articolo Successivo

Charlie Hebdo, Giannuli sul blog di Grillo: la tesi del complotto dietro l’attentato

next