Stupefacente come nel titolo questa nuova uscita Filmauro prevista per il 18 dicembre. Le orde di spettatori senza pretese pronti a pagare un biglietto al cinema giusto nel giorno di Natale dovranno ricredersi: quest’anno si riderà di gusto. Abbiamo una commedia intelligente e brillante. Non sofisticata né di classe come quelle dei Coen, d’accordo, ma stavolta dimenticate il pecoreccio, le pin-up e certi grandi attori relegati a un solo genere

A contratto scaduto Neri Parenti è stato sostituito alla regia da uno dei suoi ultimi pupilli sceneggiatori: Volfango De Biasi. E nella squadra degli autori, al maestro della commedia fantozziana è subentrato Gabriele Pignotta, autore d’esperienza più teatrale che cinematografica. In realtà De Biasi non è un esordiente, in Un Natale stupefacente mostra buon occhio per la commedia, condisce il grande lavoro del suo cast con tagli, ritmo e movimenti della macchina da presa che raccontano, non incorniciando banalmente ma alzando l’asticella della qualità per il genere più dolciario di sempre. I protagonisti diventano Lillo & Greg, rispettivamente fratelli di marito e moglie (Giampiero Ingrassia e Francesca Antonelli). Due ingenui produttori di caciottine bio finiti in galera per una serra di marijuana vicina al loro casale.

Sarà l’impenitente e pallonaro playboy impersonato da Claudio Gregori (Greg) insieme a un separato malato d’amore con il faccione e la nonchalance rocambolesca di Pasquale Petrolo (Lillo) a tessere una rete di bugie per nascondere, almeno per Natale, la verità al nipotino, un tenerissimo Niccolò Calvagna capace di ammorbidire anche la sedotta e vendicativa Ambra Angiolini. Intorno a Greg si muovono tutti i fili di un complicato gioco delle parti per un “chi mente con chi” scoppiettante per quasi tutta la sua durata. Se poi aggiungiamo una Paola Minaccioni, ex-altra metà della mela con Lillo, ma tra ora le braccia tatuate di Paolo Calabresi, e la coppia di ambigui assistenti sociali che vogliono strappare il piccolo agli zii, la macchina è pronta e la commedia decolla.

Brillante questo cinepanettone, fa ridere sinceramente. Almeno così è stato per il pubblico non facile degli addetti stampa durante la presentazione che si è svolta prima dell’uscita in sala, che sarà di 650 copie. Anzi “schermi”, come ha precisato Aurelio De Laurentiis parlando delle possibilità che i formati digitali offrono per la segmentazione di orari e spettacoli nei multisala.

Le battute del suo nuovo film sono tante e tutte giuste, divertenti ed equilibrate. Distribuite in una sceneggiatura a strati sorprenderanno insieme alla storia fino alla fine, senza eccessi di volgarità o sguaiataggini. A proposito di mancati imbarazzanti eccessi ormonali, la vamp di turno è uno dei molti aspetti del personaggio della Angiolini. È lei la mattatrice che non ti aspetti. I cambi di registro a cavalcare la bugia del momento e l’acume della sua Jenny (o “Gianny”, per alcuni) diventano un vero piacere da seguire in un’interprete che matura come buon vino, e le trovate su di lei sono fantasiose e godibili. È una nuova corrente decisamente positiva quella con le colleghe Minaccioni e Cortellesi, che vede spostarsi nelle nostrane commedie, e non solo, le parti più istrioniche, tradizionalmente scritte al maschile, su preparate attrici sempre più versatili.

E proprio la Minaccioni, qui caratterista di rango, trova grande affiatamento con un altro animale da commedia, Calabresi, che di animalesco in questo triangolo amoroso ne avrà, e come. Grandi le battute con la stoffa del tormentone sui suoi tatuaggi sgrammaticati. Quello filosofico “È così e basta”, dopo il film, l’attore ha confessato di esserselo tenuto per ricordo. Mentre lo sketch sul passato musicale dei due protagonisti nel gruppo giovanile I Vazzanicchi, si specchia nella realtà del vero gruppo romano, The Vazzanikki, presenti non solo nei titoli di coda. Infine meritano menzione anche i personaggi più marginali forse, comunque spassosi di Riccardo De Filippis e Francesco Montanari. Da implacabili protagonisti della serie tv criminale per antonomasia, s’imbellettano in serrati 2 contro 2 con Lillo & Greg, nei panni degli assistenti sociali bacchettoni. Insomma, sembra che il cinepanettone sia cambiato. Porte aperte al pubblico dubbioso. Provare per credere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Virna Lisi morta, doveva essere l’erede di Marilyn ma fuggì da Hollywood

prev
Articolo Successivo

‘Gone Girl’: i social killer con il film intorno

next