Tra gli adolescenti le sue opere sono molto condivise perché denuncia la società contemporanea con la sua arte e il suo sarcasmo. Prostituzione, omofobia, sfruttamento, carestie, droga sono solo alcuni dei temi trattati e grazie alle sue provocazioni si è fatto strada. Tra le sue battaglie anche la lotta contro i social network e il mondo attuale della comunicazione. Abbiamo intervistato l’illustratore spagnolo Luis Quiles, in arte Gunsmithcat, per conoscerlo più da vicino.

Quando è nata la tua passione per l’arte?
Ho sempre avuto la passione per l’arte fin da piccolo. Non ricordo esattamente quando ho iniziato a disegnare. E’ sempre stato un qualcosa che ho coltivato fin dall’infanzia.

Perché attraverso le tue opere denunci la società contemporanea?
Non c’è scelta. E’ un’esigenza. Per molto tempo i miei disegni li ho tenuti per me. Li vedevano solo gli amici più cari, era la mia valvola di sfogo. Sentivo il bisogno di farlo

Cosa significa Gunsmithcat?
Niente di profondo o ricercato. Quando ho creato Deviantart, il sito, tutti i nomi cool erano già stati presi. Il primo anno nessuno vedeva i miei lavori perchè non mi piacevano le impostazioni del sito stesso e ho scelto il nome da uno dei miei comicbook preferiti (Kenichi Sonoda). Il mio nome artistico rimane sempre il mio nome reale: Luis Quiles

Le tue opere hanno a che fare con denunce e temi sociali, cosa manca nella comunicazione contemporanea?
La tecnologia ha cambiato il nostro modo di comunicare ma non penso che sia peggio ora del passato, è semplicemente differente. Nelle grandi città ancora oggi ci sono problemi di comunicazione. Da un lato con internet è più semplice, dall’altro è più facile anche isolarsi dalla realtà, restare quindi soli.

Sei stato spesso criticato….
Molte persone mi ringraziano per quello che faccio e per come tratto determinate tematiche in alcuni Paesi molto calde. Poi ci sono anche le persone che non sono d’accordo e me lo scrivono pubblicamente, ma la vedo dura zittirmi, censurarmi

C’è un lavoro a cui sei più legato?
Ci metto passione in tutto quello che faccio. E’ una bella domanda ma ora ti direi no, sono legato a tutti, non ne posso scegliere uno

Quali sono i tuoi programmi per il futuro?
Nel 2015 prenderà il via un crowdfunding per pubblicare un artbook con tutti i miei lavori. Sto lavorando alla stesura di un comicbook e nel frattempo continuerò a disegnare e a denunciare.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Phil Stern, morto il fotografo delle star più celebri: da Brando a Marylin Monroe

prev
Articolo Successivo

De André, sul palco “La Buona Novella” Le canzoni di Faber in bocca ai migranti

next