“Con Renzi è stato amore a prima vista, si sta raffreddando questo sentimento o resta il figlio politico che lei non ha avuto?”. Chiede Bruno Vespa a Silvio Berlusconi, leader di Fi, durante la presentazione del libro del giornalista a Roma. Berlusconi prende tempo, ma non risponde e sorridendo dice: “Prossima domanda?”. Il leader di Forza Italia ci tiene a rassicurare tutti che il Patto del Nazareno è tutt’altro che archiviato. Un Patto – lo definisce Berlusconi – non tanto con Renzi -, ma con il Paese”. E quando gli viene chiesto un identikit per il ‘Dopo Napolitano‘ al Quirinale, Berlusconi non si sottrae ed afferma: “C’è bisogno di una persona equilibrata di buonsenso, che abbia nel suo passato segni precisi di riguardo per tutte le parti in causa, un Berlusconi per esempio: io ho la profonda convinzione che sarei il miglior Presidente della Repubblica possibile“. Poi Berlusconi definisce Salvini “goleador” ma aggiunge lui “sempre pronto a sfidare la sinistra”. E in chiusura quando Vespa chiede una domanda per la successiva intervista ad Alfano, ex Presidente del Consiglio: “Alfano perché l’hai fatto?”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi: “Avevamo addomesticato Gheddafi, gli avevo fatto mettere il bidet nei bagni”

prev
Articolo Successivo

Forza Italia, Fitto ci riprova: “Primarie per tutti, anche per Berlusconi”

next