Il calo del 30% del prezzo del petrolio rispetto ai massimi toccati a giugno costa alla Russia “tra i 90 e i 100 miliardi di dollari l’anno”. Lo ha detto il ministro delle finanze Anton Siluanov, citato da alcune agenzie locali. Secondo fonti del quotidiano Kommersant, per sostenere il prezzo Mosca potrebbe proporre al cartello dei Paesi produttori (Opec), che si riunirà giovedì a Vienna, una riduzione coordinata della produzione di greggio. In particolare il governo del presidente Vladimir Putin avrebbe intenzione di proporre allOpec (di cui non fa parte) di tagliare di 15 milioni di tonnellate il volume annuale delle proprie estrazioni in cambio di una minor produzione di 70 milioni di tonnellate da parte degli altri produttori riuniti nell’organizzazione, ovvero Algeria, Angola, Arabia Saudita, Ecuador, Emirati arabi, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, Qatar e Venezuela.
A suggerire la mossa a Mosca sarebbe stato il ministro degli esteri ed ex ministro dell’energia venezuelano Rafael Ramirez, in visita in Russia la scorsa settimana. La Russia, ha detto poi Siluanov, perde già 40 miliardi di dollari l’anno a causa delle sanzioni inflitte in seguito alla crisi ucraina.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tredicesime, Adusbef e Federconsumatori: “90% andrà in tasse”

next
Articolo Successivo

Acqua, al via nuove tariffe, rincari per 34 milioni di italiani, sconti per 6

next