Via libera dall’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico alle nuove tariffe per l’acqua. Con un metodo per la prima volto omogeneo in tutta Italia, che interessa circa 40 milioni di utenti, è stato deciso un incremento medio annuo nel 2014 del 3,9% e del 4,8% nel 2015. Quasi 6 milioni di consumatori hanno però avuto una riduzione del 10% nella bolletta.

L’aumento delle bollette per la stragrande maggioranza dei consumatori, sostiene l’authority per bocca del presidente Guido Bortoni, è legato alla ripresa degli investimenti “che erano fermi da decenni” da parte delle aziende che erogano i servizi idrici. Nei prossimi quattro anni risultano attivati 4,5 miliardi di investimenti per nuove infrastrutture, tutela ambientale e miglioramento dei servizi, un valore pari a quello degli impianti finora realizzati.

Tornando alle bollette 2014-2015, riguardano oltre 1.600 aziende. Per 34 milioni di italiani sono previsti rincari, mentre avranno tagli del 10% nelle tariffe 6 milioni di utenti di 1.250 municipalizzate piccole o piccolissime, le quali non hanno inviato i dati richiesti ai fini tariffari.

Intanto Federconsumatori chiede all’Authority di intervenire per arginare il problema delle perdite occulte nel servizio idrico, per le quali si stimano circa 300.000 casi l’anno. Per l’associazione si tratta di “un danno enorme, che vede un grave spreco di una risorsa importantissima come l’acqua. Si aggiunge, inoltre, per molte famiglie il danno economico, con esborsi che oscillano dal doppio della bolletta normalmente pagata a 15.000/20.000 euro l’anno”.

Oltre ai controlli Federconsumatori domanda che si adotti un meccanismo sulla falsariga di quello della nuova assicurazione per gli incidenti da fughe di gas metano che fornisca una tutela di base a tutti gli utenti in caso di consumi anomali da perdite occulte documentabili. Con l’impegno di quest’ultimo a riparare la perdita è necessario poi – secondo l’associazione – che, in seguito alla riparazione, venga riconosciuta la compensazione per le maxi-bollette fatturate.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Petrolio, calo dei prezzi costa a Russia “tra 90 e 100 miliardi di dollari l’anno”

prev
Articolo Successivo

Amministratori di condominio, Antitrust boccia tariffario con compensi minimi

next