Opus MetachronicumIl metodo dell’arte è un’altalena. Dondola tra evento e simbolo, muffa e contenuto estetico, sensazione e zeitgeist. Il divenire del tutto e la galleria delle metamorfosi si fermano nell’istantanea dell’opera d’arte. Attraverso il metodo la trama diviene problema, il flusso delle sensazioni è portato a sintesi, lo spettacolo si fa rappresentazione. Il frammento di carne è frammento di senso poiché inscritto nei miti elaborati dall’artista, un architetto che costruisce con le macerie.

L’ordine – la cui comprensione è un compito infinito – si nasconde tra le pieghe della realtà e tra le piaghe della carne. L’allegoria è mondana, abita nella temporalità storica: è il senso – in virtù di uno sguardo allucinato, deformante e perciò epifanico – del nonsenso in cui siamo immersi. L’artista vive nel nonsenso e produce senso: è un impuro.

Sonia Caporossi, in Opus Metachronicum (Corrimano Edizioni, Palermo 2014), vuole restaurare la tavolozza di uomini come Pasolini, Van Gogh e Proust, rispettando però metodicamente il carattere impuro delle loro esistenze. Se è vero che «non esiste la storia: solo la biografia» (R. W. Emerson), è anche vero che «ogni uomo […] è una tesi hegeliana, e implica una sua antitesi» (N. Frye). Ogni biografia ha dunque la sua antitesi, e la sintesi – «tavolozza perfetta e compatta» (S. Caporossi) – è l’esemplare che l’artista ha il compito infinito di produrre.

Una estetica del brutto che adora l’informe perché è un riflesso straniante della bellezza: Opus Metachronicum è una narrazione impura della marcescenza, barocca ma non succube dell’inspiegabile e dell’empirico. «Homo sum, humani nihil a me alienum puto» (Publio Terenzio Afro).

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Medimex, l’innovazione musicale in scena a Bari. E Vasco presenta “Sono innocente”

next
Articolo Successivo

Illustrazioni e fumetto: le differenze stilistiche

next