Sta per arrivare nei nostri cinema La moglie del cuoco, la commedia diretta della regista Anne Le Ny, recentemente apparsa in veste di attrice in due pellicole di successo come Quasi Amici e La Guerra è dichiarata. Il film, in sala dal 16 ottobre distribuito da Teodora Film, è stato accolto in Francia da un grande successo di pubblico e critica, che si è sbilanciata in commenti entusiastici. Un’ora e mezza di divertimento che dimostra come sia possibile rifarsi allo spirito della classica commedia romantica, introducendo le tematiche dell’attualità, senza però dover ricadere in forzature o volgarità, con il contributo di due tra le maggiori attrici francesi del momento, Emmanuelle Devos e Karin Viard

Due protagoniste apparentemente lontane, accomunate dal desiderio di cambiare vita. Marithé (la Viard), che lavora in un istituto di formazione per adulti dove aiuta le persone a trovare la loro vera vocazione e Carole (Devos), moglie complessata che vive all’ombra del marito, Sam, uno chef di fama, interpretato da Roschdy Zem, altro attore molto amato in Francia. Marithé cercherà di aiutarla a emanciparsi e l’impresa riuscirà a tal da spingere Carole a lasciare Sam, che nel frattempo però, parebbe aver fatto breccia nel cuore di un’altra persona. Una commedia agrodolce quindi, che la stessa regista ha voluto così definire “Mi interessava parlare dell’immagine che ognuno ha di sé riguardo al mestiere che svolge, del modo in cui vi si proietta, di come si identificano lavoro e immagine sociale. D’altra parte, io stessa ho cambiato mestiere a un certo punto della carriera, diventando regista e non più solo attrice”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Film in uscita: il vendicatore, lo chef, i fuggiaschi e la sposa

next
Articolo Successivo

Robert Altman e l’America. In sala, un documentario sul grande regista

next