Viviamo in un paese romanzo-centrico (e non siamo l’unico) dunque nulla da stupirsi se ormai da noi ‘narrazione’ sia diventato, tout court, sinonimo di romanzo.

Ovviamente non è così, si narra in tanti modi, narrano poeti e novellatori, per dire, ma anche quelli che qui da noi chiamiamo ‘cantautori’, narrano gli sceneggiatori (teatrali e cinematografici)e gli autori di fumetti, narra ognuno di noi quando incappa in un’esperienza particolarmente intensa (poiché narrare è una forma raffinatissima di conoscenza e analisi) e cos’altro sono, se non complesse, lunghe narrazioni ‘aperte’ i videogiochi adorati dai nostri figli?

Dunque narrazione non è affatto sinonimo di romanzo, al massimo esso ne è la sineddoche e confonderli è come confondere la scrittura con il libro cartaceo: l’uno probabilmente destinato a sparire, l’altra, invece, sempre più in salute.

Benvenute siano dunque tutte le iniziative che sfatano l’equivoco, a maggior ragione se organizzate con mezzi limitati, ma tantissimo entusiasmo e voglia di mettersi in gioco, come questo festival trevigiano, intitolato Carta Carbone – Autobiografia e dintorni che si terrà tra il 17 e il 19 ottobre, cui partecipano molti differenti ‘narratori’: dai romanzieri (tra i tanti, Ammaniti, Scarpa – che è anche il solo vero ‘poligrafo’ italiano, capace oggi di muoversi con perizia tra romanzo, racconto, fumetto, saggio, poesia – Ballestra, Ervas), ai cantautori (Bertelli, Casale), agli autori di teatro, ai poeti (Magrelli, sia pur in veste di prosatore autobiografico).

Intanto questo titolo: che è un titolo davvero intelligente.

I ‘dintorni’ dell’autobiografia sono, infatti, assai vasti, dentro c’è anche il romanzo, spostato di colpo (helas!) dal centro della semiosfera alla sua periferia, e non a caso l’incontro d’apertura affidato a Stefano Brugnolo e Annalisa Bruni parte proprio dalla nota affermazione di Thibaudet secondo la quale il romanzo altro non sarebbe che «autobiografia del possibile».

La faccenda da noi, dove s’è iniziato a far romanzi, proprio come in Germania, fingendo l’autobiografia (tra Werther e Jacopo Ortis), ma dove, peraltro, è stata inventata la novella e sono stati scritti alcuni dei racconti più belli della modernità occidentale, dove si racconta dicendo ‘io’ in alcuni dei più prestigiosi esemplari di romanzo novecentesco (da Pascal e Serafino Gubbio, sino a Zeno) riveste interesse particolare.

Oggi più che mai, in una situazione in cui i nostri romanzieri spesso sono essi stessi ‘personaggi in cerca d’autore’, centro dell’interesse del lettore (e del proprio) più in quanto ‘maschere’ che in quanto autori.

Il rischio è sempre confondere un autobiografismo che fa da ruota di scorta (o da ultima spiaggia) a romanzieri a secco d’immaginazione, con quello vero, che nasce dall’urgenza di lasciare traccia, o d’instaurare un dialogo, o con quell’attenzione all’esperienza (propria o altrui) che costituisce il terreno di coltura di ogni buona narrazione.

Di autobiografia, usualmente, se ne scrive una, di romanzi, in linea di principio, infiniti: è certamente il ‘personaggio’ il convitato di pietra d’ogni analisi che voglia interrogarsi a proposito dei rapporti tra autobiografia e romanzo.

Certo, poi, resta Flaubert e il suo, indiscutibile, Madame Bovary c’est moi, anche se peraltro Monsieur Flaubert muore, mentre «quella puttana di Bovary vivrà in eterno».

Non sono altrettanto certo che accadrà il medesimo per molti dei personaggi-cloni, che affollano le pagine di certa narrativa contemporanea, italiana e non.

Proprio per questo riveste un interesse particolare ogni tentativo, come questo di Carta carbone, di indagare il rapporto tra esperienza personale e forme della narrazione – che è poi scavare al cuore della relazione che c’è tra esperienza e conoscenza – che si sleghi dal punto di vista più frusto e usuale per cercare prospettive originali, o, meglio ancora, impreviste e – in senso etimologico – ‘radicali’.

La scommessa di Carta carbone sarà vinta se saprà essere non soltanto una passerella di volti e autori, noti e meno noti, ma anche un laboratorio d’indagine, un incubatore di dubbi, un campo aperto di corti circuiti e sperimentazioni critiche e formali che ponga la parola al centro, in qualsiasi forma essa si presenti.

Le premesse ci sono tutte; io sarò là a presentare una vecchia amica e ottima narratrice, Silvia Ballestra: vi aspetto in tanti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La divina marchesa: la stravaganza di Luisa Casati Amman in mostra a Venezia

next
Articolo Successivo

Premio Tenco 2014: l’arte e la retorica del ‘Bella ciao’ col pugno alzato

next