Due giorni di rinvio della votazione dell’Aula della Camera sulla richiesta di autorizzazione all’arresto di Giancarlo Galan. Il posticipo della decisione è stata concessa dalla presidenza di Montecitorio dopo il ricovero in ospedale dell’ex governatore del Veneto ed ex ministro del Pdl. La votazione è stata quindi spostata da domani alle 17 a giovedì alle 11. Il presidente di turno Simone Baldelli ha comunicato all’aula che “l’onorevole Galan, con lettera in data odierna, ha reso noto alla presidenza della Camera di essere in stato di ricovero ospedaliero, come documentato da certificato della competente azienda sanitaria, e quindi impossibilitato ad intervenire alla seduta in sede di discussione della relazione della Giunta. Ha chiesto pertanto un rinvio un rinvio di tale punto all’ordine del giorno. Viste le motivazioni della richiesta, la presidenza ritiene di doverne tener conto nei limiti in cui ciò non comprometta l’esigenza di una tempestiva risposta della camera alla richiesta dell’autorità giudiziaria. L’esame della relazione della Giunta avrà pertanto luogo giovedì 17 luglio alle ore 11, anziché domani alle ore 17. Di ciò i gruppo sono stati precedentemente informati”. Galan si è fratturato il perone e la tibia una decina di giorni fa mentre stava potando le rose nel giardino della sua villa di Cinto Euganeo sui Colli Euganei. Il ricovero di sabato scorso sarebbe stato deciso per delle complicanze circolatorie e cardiache.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Piemonte, scandalo fondi regionali: 4 condannati, 24 a processo, 14 patteggiano

prev
Articolo Successivo

Crac Deiulemar, in primo grado 86 anni di carcere ai sette imputati

next