Magra consolazione per Lionel Messi: svanisce il sogno di raggiungere il suo idolo Maradona sull’Olimpoi del calcio, ma viene incoronato miglior giocatore dei Mondiali in Brasile 2014. Il numero 10 dell’Argentina succede all’uruguaiano Diego Forlan che aveva vinto il premio quattro anni fa in Sudafrica. Mondiale doppiamente da ricordare per Manuel Neuer, premiato come miglior portiere. Sorride anche la Colombia, cui va il Fifa Fair Play: e James Rodriguez, capocannoniere con 6 gol, si aggiudica la Scarpa d’Oro.

Per Messi il riconoscimento di miglior giocatore dei Mondiali arriva nella notte più triste, quella che vede sfumare il sogno di riportare l’Argentina sul tetto del mondo. Impresa fallita, perché il fuoriclasse del Barcellona non è riuscito a fare la differenza sprecando una comoda palla gol a inizio ripresa.

A rendere la sua serata ancora più complicata è stato l’ennesimo attacco di vomito di cui è rimasto vittima nel corso del primo tempo della sfida contro la Germania: la notizia ha naturalmente fatto il giro del mondo ed è stata rilanciata con grande enfasi soprattutto dai siti argentini. Non è certo la prima volta che Messi deve fare i conti con questo tipo di malore: i problemi erano iniziati la scorsa primavera, quando un episodio simile era successo durante l’amichevole della Seleccion contro la Romania.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brasile – Olanda, Robben: “L’arbitro? Ha favorito la Selecao”

prev
Articolo Successivo

Germania – Argentina, Mascherano: “Perdere la finale? Un dolore immenso”

next