“Viaggiatori più che vacanzieri”, così si definiscono i genovesi Ex- Otago: il loro ultimo lavoro, In capo al mondo, racconta proprio di percorsi verso luoghi lontani ed è stato finanziato interamente attraverso il crowdfunding. “Se ben utilizzato, questo strumento di raccolta di fondi attraverso la rete può essere un ottimo metodo per realizzare i propri progetti – ha detto Simone Bertuccini, chitarrista e nucleo centrale della band insieme Maurizio Carucci, a Ilfattoquotidiano.it – Si può fare in autonomia o appoggiandosi alle varie piattaforme che si trovano online: noi abbiamo utilizzato MusicRaiser. Anche il disco precedente (Mezze Stagioni, del 2011) è stato realizzato tramite questa forma di finanziamento dal basso ed è stato il primo ad uscire con questo metodo, in Italia.

Che tipo di playlist avete scelto per i lettori de Ilfattoquotidiano.it?
Abbiamo pensato al viaggio, in particolare ai nostri spostamenti in furgone durante il tour. Chilometri e chilometri ascoltando musica di generi più disparati: immaginate un jukebox, dove ognuno di noi sceglie due brani a testa.

Jonsi – Go do
Edward Sharpe and the Magnetic Zeroes – Home

Onda Vaga – Tataralì

Crystal fighters – LA calling

Rino Gaetano – Ahi Maria

Wilco – Born alone

Pixies – Here comes your man

Litfiba – Re del silenzio

Jeff Buckley – Everybody Here Wants you

Coldplay – Magic 

Il cantante della band (Maurizio Carucci) e la sua compagna hanno scelto la Val Borbera, tra il basso Piemonte e la Liguria, per dar vita al progetto Cascina Barbàn, una piccola azienda agricola dove i due coltivano secondo ritmi naturali e tentano il recupero di vigneti abbandonati. Si tratta di una scelta che ha influenzato il vostro lavoro?
Sicuramente, perché tutti i componenti hanno appoggiato il progetto Casina Barbàn e contribuito al suo sviluppo. Il libro “Burrasca”, uscito con il nostro ultimo album, racconta proprio di questa nostra vita “extra-Otago”.

Quindi, nonostante il viaggio sia uno dei temi principali del vostro ultimo lavoro, alle volte non è necessario andare lontano per trovare la felicità…
Nella canzone “Chi la dura l’avventura” ci siamo chiesti: “Se cercassimo una vita la felicità, per poi trovarla in soffitta o sotto una scarpa?” Questo è il nostro modo per dire che, probabilmente, è più a portata di mano di quanto si possa immaginare… nelle piccole cose del quotidiano, nell’avere un progetto, una passione, un’amicizia, un amore.

Molti sono i giovani che se ne vanno dall’Italia per reinventarsi un futuro possibile: credete che questa sia l’unica soluzione o si può provare a cambiare le cose da qui?
Siamo liberi di prendere e partire, abbandonando tutto e tutti ma se lo facciamo, qui che cosa resta? Sarebbe bello se un giorno chi è partito decidesse di tornare, per condividere le proprie esperienze e provare a costruire qualcosa di migliore.

Chi sono i vostri cantautori di riferimento?
E’ difficile dirlo perché non abbiamo riferimenti precisi. Di sicuro stimiamo De Andrè, il Vasco Rossi delle origini, Paolo Conte, Claudio Lolli, Giuni Russo e Niccolò Fabi.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Io sto con la sposa’ contro il disastro umanitario del Mediterraneo

prev
Articolo Successivo

Festival: Cortona ‘On The Move’, quando la fotografia va in viaggio

next