Quinto album per la folk (ma anche piuttosto dark) band canadese Timber Timbre, la creatura del compositore e musicista canadese Taylor Kirk, che è giunta alla ribalta grazie al precedente disco intitolato Creep on Creepin’on uscito nel 2011 e da cui vennero estratti brani poi inseriti nelle colonne sonore di serie cult come Walking Dead e Breaking Bad.

Il nuovo disco Hot Dreams riprende il discorso iniziato con il precedente disco – che era caratterizzato da canzoni intrise di atmosfere sinistre e lugubri e rintocchi di campane, che a tratti fanno venire in mente i film di Vincent Price, o le atmosfere alla Edgar Allan Poe – e un po’ se ne discosta. Infatti Hot Dreams può essere definito come il loro lavoro più cinematografico ed evocativo, sospeso tra sogno e realtà, tra luce e oscurità.

Composto da 10 brani scritti da Kirk durante la sua permanenza a Laurel Canyon, in California, lo stesso luogo in cui hanno già composto grandi dischi Jonathan Wilson e Father John Misty (ascoltare per credere Gentle Spirit  del primo e Fear Fun del secondo) chissà, magari le atmosfere polverose e oscure di questo posto magico porteranno fortuna anche alla band canadese. Tra qualche giorno, il 10 luglio, i Timber Timbre si esibiranno in Italia, a Bologna, nell’ambito del Bolognetti Rocks (ingresso gratuito)  per presentare quest’ultimo lavoro, pubblicato da poche settimana da Arts & Crafts. Intanto per avere un assaggio, ascoltate questa che però è contenuta nel disco precedente. Come sempre, Vive Le Rock!

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sori Jazz Festival 2014, dal 3 luglio torna una delle kermesse più longeve d’Italia

next
Articolo Successivo

Manic Street Preachers, nel nuovo album “Futurology” synth, loop e chitarre rock

next