Quinto album per la folk (ma anche piuttosto dark) band canadese Timber Timbre, la creatura del compositore e musicista canadese Taylor Kirk, che è giunta alla ribalta grazie al precedente disco intitolato Creep on Creepin’on uscito nel 2011 e da cui vennero estratti brani poi inseriti nelle colonne sonore di serie cult come Walking Dead e Breaking Bad.

Il nuovo disco Hot Dreams riprende il discorso iniziato con il precedente disco – che era caratterizzato da canzoni intrise di atmosfere sinistre e lugubri e rintocchi di campane, che a tratti fanno venire in mente i film di Vincent Price, o le atmosfere alla Edgar Allan Poe – e un po’ se ne discosta. Infatti Hot Dreams può essere definito come il loro lavoro più cinematografico ed evocativo, sospeso tra sogno e realtà, tra luce e oscurità.

Composto da 10 brani scritti da Kirk durante la sua permanenza a Laurel Canyon, in California, lo stesso luogo in cui hanno già composto grandi dischi Jonathan Wilson e Father John Misty (ascoltare per credere Gentle Spirit  del primo e Fear Fun del secondo) chissà, magari le atmosfere polverose e oscure di questo posto magico porteranno fortuna anche alla band canadese. Tra qualche giorno, il 10 luglio, i Timber Timbre si esibiranno in Italia, a Bologna, nell’ambito del Bolognetti Rocks (ingresso gratuito)  per presentare quest’ultimo lavoro, pubblicato da poche settimana da Arts & Crafts. Intanto per avere un assaggio, ascoltate questa che però è contenuta nel disco precedente. Come sempre, Vive Le Rock!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sori Jazz Festival 2014, dal 3 luglio torna una delle kermesse più longeve d’Italia

prev
Articolo Successivo

Manic Street Preachers, nel nuovo album “Futurology” synth, loop e chitarre rock

next