Angelino AlfanoMarcello Dell’Utri si trova in questo momento negli uffici della polizia libanese”. Era il 12 aprile scorso quando, tra lo sbigottimento generale, il ministro Angelino Alfano annunciava a suon di trombe l’arresto di Marcello Dell’Utri. Nessuno poteva crederci: l’ex delfino di Berlusconi annunciava – quasi soddisfatto – che era stato catturato il cofondatore del partito che per anni è stato il suo. E non solo: perché Marcello Dell’Utri era stato arrestato perché aveva ricevuto una condanna in cassazione a 7 anni di reclusione con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Ossia lo stesso reato che il Pdl e Alfano stesso nel 2009 volevano, senza riuscirci, neutralizzare con una legge ad hoc.

L’annuncio della cattura di Dell’Utri però ha avuto un’altra finalità: ossia inaugurare la stagione degli annunci. Contraddittori, sbagliati, giusti, non importa. Bastano solo telecamere, microfoni e ovviamente un ministro, o meglio Angelino Alfano. 

Infatti, passa poco tempo e si ripropone la stessa scena: “E’ stato trovato l’assassino di Yara”, la ragazza scomparsa cinque anni fa vicino Bergamo. Alfano è orgoglioso, peccato che i magistrati che hanno fatto le indagini non conoscessero le sue intenzioni. Non volevano far trapelare la notizia, anzi chiedevano solo massimo riserbo. A queste accuse, il ministro prontamente ribatte: “Credo che il procuratore di Bergamo non ce l’avesse con me anche perché non ho divulgato dettagli, si dovrebbe chiedere invece chi ha inondato i mass media di una quantità infinita di dettagli e informazioni. Certamente non è stato il governo”. Frase che un po’ fa trapelare l’Alfano che ricordavamo, quello che in qualità di vicepremier e ministro dell’Interno, a maggio 2013, scese in piazza per la manifestazione di Berlusconi contro “l’uso politico della giustizia”.

Ma quella era un’altra storia. Adesso il ministro ha dato inizio ad una nuova stagione, e noi ci siamo dentro. A questo punto basta solo aspettare seduti e aspettare il prossimo annuncio. Alfano, dai, non ci deludere! Io, intanto, prendo i pop corn. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scontro Procura di Milano: Napolitano non faccia come Richelieu

prev
Articolo Successivo

Ruby, al via appello per Berlusconi. Sentenza il 18 luglio

next