Kill Uma. Questa volta forse Quentin ha centrato il bersaglio sospirato da almeno un ventennio. Questo, ça va sans dire, è il cuore della sua (ed unica) bionda Musa, di cui pare sia da sempre innamorato. La notizia può suonare non nuova, essendo la presunta “love story” tra Tarantino & Thurman materia d’indagine gossippara da parecchio, cioè da quando lui la immortalò protagonista dei due Kill Bill dopo averle regalato l’Oscar per l’indimenticabile ruolo di Mia Wallace in Pulp Fiction

E proprio per l’anniversario del film “cult” ri-celebrato a Cannes dove nel 1994 vinse la Palma d’oro, le due star sono state riviste insieme, tanto pubblicamente sul Red Carpet con la consueta complicità, quanto “privatamente”, avvistati da alcuni paparazzi in una villa sulla romantica Côte Azur. Secondo alcuni giornali americani, lo US Weekly in pole position – titolo dello scoop “La sua Musa è finalmente sua” – i due stanno nuovamente insieme. E l’avverbio si riferisce al fatto che Uma & Quentin un affair già l’hanno avuto quando lei ancora era sposata con il geniale collega (e più fascinoso del “nostro”…) Gary Oldman

Il punto è che oggi una love story tra i due sarebbe qualcosa in più di un semplice touch&go da dare in pasto ai rotocalchi, avendo alle spalle amicizia consolidata, reciproca stima professionale conclamata e… il mondo “ficcanaso” ai loro piedi. Viene da pensare a coppie cool diventate marchio cult come il Brangelina (Angelina Jolie & Brad Pitt), anche se in questo caso l’unica “bellezza” è inequivocabilmente Uma, per quanto il folle talento carismatico e istrionico di Quentin il pur “inossidabile” Brad se lo sogna. Intanto i social impazzano, e lo star-meter (nonché il gossip-metro) dei due esplode. Fosse vero e duraturo, il nuovo sentimental-binomio ufficiale di Hollywood come potrebbe chiamarsi: Thurmantino o Quentuma?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ana Arabia, tra reportage e teatro il nuovo film del regista Amos Gitai

prev
Articolo Successivo

Eva Green, scandalo in Usa per il poster del film Sin City: Una donna per uccidere

next