Tre funzionari del ministero dell’Economia sono indagati per rivelazione e divulgazione del segreto d’ufficio nell’ambito di un’inchiesta sulla fuga di notizie sul documento di programmazione economica e finanziaria avvenuta nel 2013, quando il presidente del Consiglio era Enrico Letta e il dicastero era guidato da Fabrizio Saccomanni, ma si dovrà accertare anche se in tempi più recenti, dopo l’insediamento del governo Renzi, ci siano stati episodi analoghi. Le postazioni dei tre dipendenti del Mef e le relative apparecchiature informatiche sono state perquisite dagli uomini del Nucleo speciale Frodi tecnologiche della Guardia di Finanza. Gli accertamenti, chiesti dal pm di Roma, Nicola Maiorano, hanno preso spunto da una denuncia presentata due settimane fa dal Gabinetto del dicastero dopo la pubblicazione dei documenti su alcuni giornali e siti internet prima della loro ufficializzazione. Le perquisizioni sono scattate dopo aver accertato che erano stati diffusi tramite i sistemi di posta elettronica del ministero.

Secondo fonti del ministero dell’Economia citate dall’agenzia Ansa, la denuncia è stata sporta per “tutelare il lavoro di elaborazione di norme del ministero” e “non ingenerare confusione nell’opinione pubblica” provocando un dibattito politico distorto. Oltre alle ipotesi di reato, sulle quali indaga la magistratura, la divulgazione di notizie non autorizzate – viene spiegato – rappresenta un illecito disciplinare ai sensi del codice etico del Mef, al quale tutti i dipendenti sono obbligati ad attenersi. Per la violazione sono previste sanzioni, graduate in base alla gravità, che sono state recepite anche dai contratti collettivi di lavoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Editoria, Class Editori ricapitalizza per 40 milioni e finisce nel mirino della Consob

next
Articolo Successivo

Bonus 80 euro, Luxottica tira la volata a Renzi e lo anticipa di un mese

next