In quel capolavoro che è House of Cards, a un certo punto il deputato democratico Kevin Spacey dice: “Ho cambiato i parametri delle mie promesse”. Lo speaker della Camera gli risponde esterrefatto: “Ma questo è mentire!”.

E lui: “No, questa è politica”.

Un dialogo che mi ha fatto venire subito in mente il premier Renzi: non cambia anche lui, continuamente, “i parametri delle sue promesse”, o – per dirla con le sue parole – “cambia verso” ogni giorno, al punto che si fa fatica a stargli dietro?

Ma guai a dire che “mente”. “E’ la politica, bellezza”.

A 70 giorni dal suo insediamento un bilancio però è necessario. E non è esattamente positivo.

Le cose fatte si riducono a due: il decreto lavoro, che aumenta la precarietà, ed è stato approvato solo grazie al ricatto della fiducia; e il bonus di 80 euro per i lavoratori dipendenti, le cui coperture sono ancora “ballerine” (alla fine pagheranno i cittadini con i tagli previsti a Comuni e Regioni?) ed è assicurato solo per quest’anno. Per sapere se diventerà strutturale, favorendo davvero la spinta dei consumi e la crescita, bisognerà aspettare la Legge di Stabilità di ottobre e si dovranno trovare ben 14 miliardi. Mica bruscolini.

Quanto al resto (taglio dell’Irap del 10% alle imprese, F35, riforma della pubblica amministrazione…) siamo ancora a “carissimo amico”, come si dice a Roma.

Soprattutto, sono in altissimo mare le due riforme – quella elettorale e quella del Senato – grazie alle quali Renzi ha conquistato Palazzo Chigi. Chissà se si faranno mai. Sicuramente non nei tempi promessi, vale a dire prima delle europee. Anche perché è proprio su queste riforme che Berlusconi fa “ballare” Renzi, facendolo andare sotto o salvandolo nel voto a seconda degli interessi quotidiani e di quello che ottiene in cambio. Un giorno gli fa fare un bel casqué e il giorno dopo lo tira su, solo però se promette l’agognato (da Berlusconi) presidenzialismo. E tutti gli italiani ad assistere a questo ballo sul Titanic, ahimè.

Certo, a Renzi l’energia e la faccia tosta non mancano, solo che l’impressione è di quello che urla: “Non mi fermerete! Non fermerete la rivoluzione!”, ma poi sta fermo.

Meglio ancora: per citare l’immenso Altan, si ha l’impressione che quell’ombrello che il “cavalier banana” cercava ostinatamente di infilarci, sia arrivato a destinazione. E manco ce ne accorgiamo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Quote Pd, da Milano scandalo si estende a regioni. Sezioni costrette a licenziare

next
Articolo Successivo

Berlusconi sfida il tribunale di sorveglianza: “Mi impediscono di criticare i pm”

next