Ci sono programmi televisivi e veri giornalisti che svolgono un effettivo servizio pubblico. Ieri sera Presadiretta di Riccardo Iacona ha fatto un lavoro egregio nel raccontare i misteri della latitanza di Matteo Messina Denaro.

E come sappiamo ormai bene la Mafia vive grazie alla collaborazione attiva di pezzi di Stato e delle Istituzioni. Diversamente non potrebbe essere. Le lunghe latitanze e le stragi si sono sempre svolte grazie alla complicità attiva di personaggi ambigui e poco fedeli allo Stato che dovrebbero rappresentare. La Mafia da sola non potrebbe vivere e proliferare. Gli intrecci di soldi e poteri rendono un micidiale collante tra criminalità organizzata e pezzi della società civile, difficile da smantellare.

E quando senti le dichiarazioni del Generale Mori, ex Comandante dei Ros, affermare durante la sua deposizione nel Processo sulla strage di Firenze, dire e raccontare come cercò di trattare con la Mafia per evitare ulteriori stragi capisci in maniera plastica l’esistenza di una zona grigia impressionante. Pezzi di Stato che parlano e discutono con la Mafia.

E lo sapeva benissimo Paolo Borsellino. E quando disse: “Politica e mafia sono due poteri che vivono sul controllo dello stesso territorio: o si fanno la guerra o si mettono d’accordo”,  stava già indagando su questo filone. E anche per questo venne barbaramente ucciso non solo per responsabilità della Mafia.

In ogni caso oramai la parola Mafia è stretta nel suo antico significato. Abbiamo imparato che la Mafia è non solo la classica criminalità organizzata legata al Sud Italia. Le Mafie si sono estese in tutto il territorio e in tutti i settori. Occorre solo non fare finta di non vedere.

Anche in Sardegna, ove si continua a dare poca attenzione al problema, esiste e continua a proliferare. Ancora oggi, a distanza di due anni dalla mia segnalazione al Ministro dell’Interno circa la presenza nel mio Comune di un boss Mafioso che prendeva appalti e lavori diretti da più di otto anni, non abbiamo risposta ad una semplice domanda.

Il boss mafioso Salvatore Costanza, condannato a 10 anni di carcere con rito abbreviato, aveva confidato al Pentito Giuseppe Vaccaro una cosa inquietante. Infatti, durante le indagini a carico del Boss Costanza, il pentito Giuseppe Vaccaro riferì ai pm le impressioni di Costanza. E affermava testualmente: “Mi ha detto che là, in Sardegna, è come la Sicilia». «E perché è come la Sicilia?», gli chiedono i magistrati.  La risposta non si fa attendere: «Che i lavori si prendevano facilmente».

Ecco questa è la domanda a cui dopo due anni chiedo ancora chiarezza. Per quale motivo i lavori si prendevano facilmente anche da noi? Ad oggi, nonostante le mie sollecitazioni e denunce ancora nessuna risposta. Si sa su questi temi le indagini sono lunghe ed articolate, ma nel frattempo la Mafia continua a radicarsi nel territorio e continua ad eleggere i suoi rappresentanti all’interno dei partiti e delle varie Istituzioni.

La Mafia non è Sicilia solamente. La Mafia è presente ogni giorno davanti a noi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Ruby, Cassazione assolve il pm Fiorillo e condanna il Csm

next
Articolo Successivo

Carceri, Orlando a Strasburgo: “Corte tenga conto anche della qualità degli spazi”

next