Ascoltando il Prete Rosso
mentre i tannini
mi fortificano i denti
e i violini mi massaggiano la nuca stanca
le persone
a me lontane
scatenano piccole guerre civili
di opinioni
su pellicole e canzoni
su uomini dalla faccia di gomma
e comici allo stadio terminale.
Ho sempre desiderato
fotografare
lo zampillìo del mio seme
mentre si disperde volando nello spazio
ma con una mano sola non ce la faccio. 

Quando ero giovane non facevo mai l’amore.
Tre cose fondamentali che ho iniziato tardi:
scopare
leggere l’orologio
allacciarmi le scarpe.
E un paio di queste
ancor’oggi
non è che le domini un granché. 

Però una volta usai il remoto cossi in una poesia.
Con questa due.
E bacio da dio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siena, zumba e karate in uno dei massimi monumenti del Medioevo italiano

prev
Articolo Successivo

Teatro in carcere, la messa in scena per entrare in contatto col reale

next