E’ stato arrestato Joaquin Guzman, detto “El Chapo“. Il boss del cartello messicano di Sinaloa, considerato uno dei re del narcotraffico, è stato catturato dalla marina messicana supportata dalle forze dell’ordine statunitensi in un hotel a Mazatlan, città di mare messicana a circa 200 km da Culiacan, capitale dello stato di Sinaloa, mentre stava partecipando a una festa. Guzman era in cima alla lista degli uomini più ricercati dalla Drug Enforcement Administration americana (Dea). Il suo impero si estende dal Nord America all’Europa, fino all’Australia, e il cartello di Sinaloa, che comanda, è uno dei più spietati e coinvolti nella guerra della droga che insanguina da anni il Messico. 

Da qualche giorno ormai le forze della sicurezza messicane setacciavano alcuni quartieri di Culiacan, capitale di Sinaloa, alla ricerca di Joaquin “Chapo” Guzman. L’obiettivo era trovare sia Guzman sia un altro dei boss di Sinaloa, Ismael “Mayo” ZambadaLo scorso venerdì era stato preso anche Jesus Pena Gonzalez, uno dei responsabili della sicurezza dello stesso Zambada.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina: destituito Yanukovich, occupata la sua villa. Timoshenko libera

next
Articolo Successivo

Ucraina, Putin scarica Yanukovich. E i “terroristi” diventano “attivisti”

next