La sanità lombarda è stata per più di vent’anni in mano a Formigoni che, tramite Lombardia Informatica, cerca di gestire adesso la sanità nazionale da quando è senatore. Il nuovo governo spero che metta luce il più presto possibile su tutti gli scandali ancora aperti e collegati al mondo sanitario in cui certamente è presente “il celeste” a vario titolo.

Formigoni è indagato dai magistrati per il caso San Raffaele, il caso Maugeri, oltre ad essere al centro delle indagini per le firme false utilizzate per la sua ultima elezione. La sua giunta regionale è quella che ha autorizzato e non controllato la casa di cura S. Rita di Milano, quella che ha autorizzato e non controllato Stamina agli Spedali di Brescia.

Formigoni si attornia di persone quanto meno discutibili, alcune ancora in galera, ed altre, di cui è testimone di nozze, che hanno denunce addirittura dal Quirinale. Tutte gravitano nell’ambiente sanitario forse perché “la salute viene prima di tutto” e il budget regionale del 75% e nazionale del 15% fa gola a molti.

Caro Renzi, cominciamo da qui in sanità per riporre #ilpazientealcentro? Non ascolti il Fonzie-Formigoni che ha il coraggio di chiedere tre ministri di peso, magari ancora la Lorenzin suo “braccio lungo”.

Liberi quella sedia, “costosa” per i cittadini, dallo strapotere dell’arroganza. Sono certo sarebbe contento anche Papa Francesco nella sua rivoluzione sana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corruzione, Corte dei conti: “Incide su finanza pubblica, leggi più incisive”

next
Articolo Successivo

Tangentopoli, l’eterna corruzione italiana. Incontro a Milano con i magistrati del pool

next