Che Parlamento avremmo con l’Italicum ancora rivisto dopo l’ennesima intesa Renzi-Berlusconi? L’ipotesi si basa su un sondaggio, ma è interessante vedere che, se si votasse domani, nessuna delle coalizioni – né quella di centrosinistra né quella di centrodestra – riuscirebbe ad aggiudicarsi il premio di maggioranza del 15%, che scatta superando la soglia del 37%. Le proiezioni realizzate da Datamedia Ricerche, istituto diretto da Natascia Turato, per Il Tempo(nell’ultima settimana) registrano un incremento per la coalizione di centrodestra dello 0,6% attestandosi, che si attesta al 34,4%, mentre quella di centrosinistra con il 36% segna un -0,1%.

Nel dettaglio nell’area di centrodestra si registra un incremento di Forza Italia che si attesta al 22,3% (+0,3%), il Nuovo centrodestra è al 4,9% (-0,1), la Lega Nord è stabile al 3,5%, Fratelli d’Italia – AN è al 2,2% (+0,2), La Destra stabile all’1% e altri di cdx sono allo 0,5%.

Sul versante opposto il Partito democratico, nonostante il dinamismo di Renzi perde lo 0,3 e scende al 32%, Sinistra ecologia e libertà, sfrutta l’onda del congresso di Rimini e acquista lo 0,3, toccando il 2,9%. Gli altri di centrosinistra fermi all’1,1% (-0,1). Il Movimento 5 Stelle con il 20% fa segnare un incremento dello 0,7%. Mentre Scelta Civica è in discesa dello 0,2% con l’1% delle preferenze e l’Udc al 2,6% (+0,2).

Il duo Renzi-Berlusconi conquista fiducia. Matteo Renzi si conferma il leader più apprezzato con un trend in crescita. Il segretario del Pd è al 57% (+2% rispetto a dicembre). E’ seguito da Silvio Berlusconi con il 26% (+1%), Beppe Grillo con il 21% guadagna un punto. Cresce anche Nichi Vendola con il 18% (+2%) , mentre perde (-1%) Angelino Alfano con il 15%.

Chi continua a perdere consensi è il governo Letta. Rispetto alla rilevazione di dicembre, la fiducia nel premier Enrico Letta cala di 3 punti e si attesta al 35%, perde anche il suo governo (-1) che ha la fiducia del 28% del campione. Per quanto concerne la fiducia nei singoli ministri, tutti quanti fanno registrare il segno meno. Emma Bonino resta la più apprezzata con il 44% (-3). Ultimo è Fabrizio Saccomanni che perde il 2% e tocca quota 15%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

C’era una volta la Sinistra Arcobaleno

next
Articolo Successivo

Sondaggio – I loghi possibili: è più brutto quello della nuova Fiat o quello di Ncd?

next