26 gennaio 1994 – 26 gennaio 2014. Sono passati venti lunghissimi anni dalla discesa in campo di Silvio. Ma nessuno ha dimenticato il glorioso “Discorso della Calza”, quello de “l’Italia è il paese che amo”, per capirci. Pacatezza, grandi speranze e puro nylon sull’obiettivo hanno dato inizio alla storia che tutti conosciamo. Esattamente vent’anni dopo la nostra Rosa scende in campo, dando inizio al suo personalissimo almanacco con questo primo video-messaggio, dedicato, naturalmente, a quel 26 gennaio di vent’anni fa.

Twitter: @Fabio_Mureddu

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Inghilterra in tv: la ‘dominazione’ dei Game Show e la sperimentazione visuale

next
Articolo Successivo

Google Glass, il pirata digitale lo si riconosce dagli occhiali?

next