26 gennaio 1994 – 26 gennaio 2014. Sono passati venti lunghissimi anni dalla discesa in campo di Silvio. Ma nessuno ha dimenticato il glorioso “Discorso della Calza”, quello de “l’Italia è il paese che amo”, per capirci. Pacatezza, grandi speranze e puro nylon sull’obiettivo hanno dato inizio alla storia che tutti conosciamo. Esattamente vent’anni dopo la nostra Rosa scende in campo, dando inizio al suo personalissimo almanacco con questo primo video-messaggio, dedicato, naturalmente, a quel 26 gennaio di vent’anni fa.

Twitter: @Fabio_Mureddu

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Inghilterra in tv: la ‘dominazione’ dei Game Show e la sperimentazione visuale

next
Articolo Successivo

Google Glass, il pirata digitale lo si riconosce dagli occhiali?

next