E’ morto a Roma all’età di 87 anni Riz Ortolani, grande firma della musica da film. Nella sua lunga carriera ha lavorato con tutti i maggiori registi italiani da Vittorio De Sica a Dino Risi, da Damiano Damiani a Pupi Avati. Tra le oltre 300 partiture, ci sono temi diventati un cult, come “Il Sorpasso“. Dopo essersi diplomato al Conservatorio Gioachino Rossini di Pesaro, la sua città, non ancora ventenne si trasferì a Roma, dove si unì a un gruppo di giovani strumentisti dell’orchestra della Rai.

La carriera cinematografica era iniziata nel ’62 con la colonna sonora del film documentario “Mondo Cane”. Il tema principale del film, More, cantato da Katyna Ranieri (sua moglie), gli valSE nel ’64 la Nomination all’Oscar come “Best Theme Song” e la vittoria del Grammy Award come “Best Instrumental Theme”. More conta oltre mille incisioni dei maggiori artisti del mondo e 70 milioni di dischi venduti. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grazie Abbado, amico e grande uomo semplice

prev
Articolo Successivo

Giornata della memoria, ‘Lettere da Varsavia’: storie di donne, amore e discriminazione

next