Nel cuore della notte. C’è il posto di controllo. La pattuglia del commissariato Poggioreale setaccia quel confine difficile: la periferia Orientale della città. Un agente e un assistente capo notano uno scooter. In sella tre giovani scorrazzano per via Gianturco all’angolo con il popolare rione Luzzatti. Intimano l’Alt. La moto di grossa cilindrata – risultata rubata – rallenta. Sembra fermarsi. E’ una mossa criminale solo per far calare la tensione e trarne in inganno i poliziotti. Frazioni di secondo. Con un guizzo il conducente porta al massimo la manetta dell’acceleratore. Sgomma e la moto schizza. I due agenti si parano dietro la volante. Uno dei passeggeri – pistola in pugno – esplode a sangue freddo, con spietata violenza e codardia quattro colpi in rapida successione. I due poliziotti diventano bersagli mobili. Un agente è colpito di striscio, l’assistente capo all’addome. Altri due proiettili si conficcano nell’auto di servizio. Un agguato.

Sparare a vista chi si avvicina alla roccaforte. Non importa se siano affiliati a un clan rivale o forze dell’ordine. Sparare a vista. E’ l’ordine di sempre. All’ombra dei grattacieli del Centro Direzionale di Napoli si snoda il rione Luzzatti, una concentrazione di palazzoni di edilizia popolare. Casermoni e alloggi dormitorio delineati da strade a scorrimento veloce. Qui c’è – da sempre – il fortino di Vincenzo Mazzarella detto ‘o Pazzo, boss detenuto e ancora potente dell’omonimo clan di camorra, un tempo egemone nel Centro storico di Napoli e nei comuni della provincia. Anche se ‘O pazzo è finito in cella, anche se il figlio Michele sconta un ergastolo, anche se la moglie di quest’ultimo Mariarca Giuliano, a sua volta figlia di Lovigino, capo della dinastia di Forcella, è detenuta, il rione Luzzatti come il rione Forcella restano e sono “territori di camorra”. Inespugnabili.

Sotto il controllo degli affiliati. Non esistono diritti. C’è la legge del clan. E’ pura ipocrisia affermare il contrario. Falso dire che lo Stato è più forte. Sono rioni che appartengono al clan egemone. A Napoli è così. Lo sa bene la stessa Questura di Napoli: “Conteniamo il fenomeno. E’ come curare una malattia cronica. Quando ci sono riacutizzazioni il nostro intervento punta a normalizzare”. Il rione Luzzatti è invalicabile. Le strade sono guardate a vista. Quando c’è un summit oppure lo stoccaggio dei carichi di droga addirittura i killer si appostano sui terrazzi dei palazzi come dei tiratori scelti. Andare in giro su di una moto nel cuore della notte armati e pronti a tutto è normale al rione Luzzatti. Un Far West.

Nel cuore del rione Luzzatti c’ la villa di Vincenzo ‘O pazzo. Una specie di santuario. Vetri blindati e ingressi con i metal detector come le banche. Ai bei tempi prima della fine della latitanza del padrino era un via vai di “personalità”. Incontri, riunioni e strategie. Tavola imbandita e piatti luculliani offerti dai migliori ristoranti di Napoli. Un leopardo faceva la guardia alla Villa. Una sorta di “mascotte” da esibire agli amici e ai nemici. Quei due poliziotti potevano morire ieri notte. E’ stato solo un fortuito caso che non è avvenuto. Ora ci sarebbero state vedove e orfani. Pianti e parole vuote. Cerimonie e medaglie.

Mi chiedo quando il rione Luzzatti e in generale i rioni e i quartieri di camorra verranno messi a ferro e fuoco? Lo Stato faccia lo Stato. Il Ministro dell’Interno Angelino Alfano lasci per qualche mese le beghe politiche e si concentri sulla sua funzione. Il Capo del Viminale deve inviare donne, uomini e mezzi a Napoli. Qui c’è una guerra. Se non ora, quando? Pugno di ferro e fermezza. C’è una Napoli onesta, orgogliosa, fiera che vuole scrollarsi di dosso questa malacarne. Non se ne può più di questa montagna di merda che infesta e ammorba l’aria profumata di Napoli. Ognuno la propria parte ma fino in fondo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cape2Rio in lutto, tutte in salvo le altre barche. Maserati verso l’aliseo

next
Articolo Successivo

Trattativa, Sgarbi denuncia Salvatore Borsellino per vilipendio a Napolitano

next