“Siamo finalmente usciti dalla tempesta, il mare lentamente si è allungato e il cielo si è riempito di quelle nuvole che parlano di aliseo. Il vento è calato girando verso sud est, e siamo entrati in quella che dovrebbe essere la tipica situazione meteo di questa regata.

Le notizie degli incidenti in cui ha perso la vita  dei giorni scorsi sulle altre barche ci arrivano frammentarie, confuse. António João Bartolomeu dell’equipaggio di Bille è morto l’altro ieri, ancora non abbiamo la certezza di come siano andate le cose. Pare che sia caduto in mare e che i suoi compagni l’abbiano ripescato quando ormai era in ipotermia avanzata. Poi qualche ora dopo la barca avrebbe disalberato. Se fosse andata così, si è trattato del classico incidente che potrebbe costare la vita ad ognuno di noi. Sono cose che in mare possono capitare perché è impossibile eliminare tutti i rischi, il fato e la natura se sono avversi in genere vincono… Siamo tutti un po’ tristi e sconcertati per questa notizia ma anche contenti che le altre barche non abbiano avuto incidenti troppo gravi.

Ci mancano 2400 miglia a Rio de Janeiro ma la strada che dovremmo fare per arrivarci è molto più lunga: dobbiamo girare intorno alla alta pressione del sud Atlantico allungando la rotta quanto basta per non finire nel vento leggero o nelle sue calme.

Maserati è in forma e l’equipaggio anche. Spi in testa e randa piena avanziamo a strambate verso est.”

Giovanni Soldini 

 

 Durante la regata aggiornamenti continui con video e immagini provenienti da bordo e cartografia con posizioni di Maserati in tempo reale su www.maserati.soldini.it e sui social network: Facebook Giovanni Soldini Pagina Ufficiale, Twitter @giovannisoldini  e Instagram @giosoldini da cui l’equipaggio twitterà e manderà foto direttamente dalla barca.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Verona, malata senza più casa popolare. Lettera di denuncia il giorno di Natale

prev
Articolo Successivo

A Napoli si spara sui poliziotti. I rioni in mano ai clan

next