Un ritratto del leader sudafricano e una sua frase: “il più grande successo nella vita non è non cadere mai. Ma rialzarsi ogni volta che si cade”. Bandiera a mezz’asta all’ambasciata sudafricana a Pechino. La Cina piange un “vecchio amico“. Il popolo cinese “ricorderà sempre il suo contributo alle relazioni sino-sudafricane e al progresso umano“, parola del presidente Xi Jinping.

Il rapporto tra Mandela e il paese più popoloso del mondo è complicato. Una volta il Partito comunista lo osannava per la sua lotta contro l’imperialismo, oggi invece sono i più critici al regime che lo portano come esempio della resistenza agli autoritarismi. L’agenzia di stampa governativa Xinhua ricorda di quando il leader sudafricano, ancora in prigione, chiese una copia del Libretto Rosso di Mao Zedongche lesse seriamente e da cui trasse motivazioni per la sua resistenza”.

Moltissimi sul web hanno postato il video di una canzone dei Beyond, gruppo di Hong Kong che ha dedicato a Mandela un suo pezzo The Glorious Years: “Abbracciare la libertà durante la tempesta/non smettere di lottare nell’incertezza/Credere che il futuro possa essere cambiato/domandarsi chi potrebbe fare lo stesso”.

E molti utenti hanno ricordato l’uomo, la sua capacità di lottare, la sua tolleranza. Alcuni hanno ricordato Liu Xiaobo, nobel per la pace 2010 condannato a 11 anni per “sovversione del potere costituito”, altri hanno rimarcato la sua differenza con Gandhi (“la non violenza non è l’unica strada”). E alcuni infine hanno provato a sorridere. “#Mandela è scomparso. In paradiso non ci sarà discriminazione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mandela, “dopo la morte del mito, ora il Sudafrica ha bisogno di nuovi leader”

next
Articolo Successivo

Egitto, verso processi militari per i civili. Sempre più potere in mano all’esercito

next