E’ più sottile e leggero il nuovo tablet presentato da Apple, e non a caso si chiama iPad Air. Ha un processore A7 a 64 bit quasi come un computer e sarà disponibile dal primo novembre anche in Italia: queste le tanto attese novità sull’iPad nel corso dell’evento a San Francisco. Il capo del marketing, Phil Schiller, lo ha definito “un iPad clamorosamente veloce“, spiegando che lo è otto volte di più rispetto a quello uscito nel 2010. Il dispositivo è più sottile del 20% rispetto alla versione precedente e pesa 450 grammi, a confronto con i 640 del suo predecessore. “Il primo iPad è stato lanciato tre anni e mezzo fa e fino ad ora abbiamo venduto 170 milioni di dispositivi”, ha detto il Ceo Tim Cook. E c’è anche l’iPad Mini con display Retina e con lo stesso processore A7 del ‘fratello maggiore’.

Per gli Usa il prezzo dell’iPad Mini parte da 299 dollari per la versione WiFi con 16 Gb di memoria. L’iPad Air invece parte da 499 dollari, sempre per la versione da 16Gb. Mentre quella con 3G verrà messa sul mercato a 629 dollari. Rispetto al suo predecessore, l’iPad 4, il nuovo modello ha una performance grafica 72 volte superiore, 10 ore di autonomia e una fotocamera frontale da 5 Mp. “E’ il più sottile, il più leggero e il più potente iPad costruito finora”, ha detto Jony Ive, designer dei prodotti della Apple, durante la presentazione.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apple vince la sfida: il multi touch nasce da Steve Jobs

next
Articolo Successivo

La galassia Google

next