Venezia 70? Il buco con la Mostra intorno. E nemmeno la diva Scarlett Johansson ne esce indenne. Il suo Under the Skin, diretto da Jonathan Glazer, è vuoto pneumatico, fantascienza poco fantastica, lascia una domanda: l’aliena Scarlett, laggiù, ce l’ha o no? Durante il primo rapporto con l’umano, si blocca, si alza dal letto, prende l’abat-jour e s’illumina lì: non ci è dato sapere se la vagina sì o la vagina no.

Dell’altro buco, con l’amianto dentro, se ne parla per gentile concessione del presidente della Biennale Paolo Baratta, ed è quello a cui il Lido tutto s’è affezionato: si riuscirà mai a colmarlo? “Il Comune ha avviato una procedura di programmazione partecipata, una forma di democrazia dilatata…”. Dilatazione a parte, l’anno prossimo che buco sarà? Baratta scuote la testa, “se tutto va bene, ci sarà qualcuno che inizia a lavorarci”. Insomma, il buco è salvo e istituzionale, perché la Biennale si dice “informata che nell’area del ‘buco’ non sarà più prevista la realizzazione di nuovi volumi destinati a sale di proiezione”.

Il terzo buco è giornalistico, e si deve a un grande regista, Amos Gitai, premiato col Bresson 2013: virtuoso con la macchina da presa (il film è un unico, lunghissimo piano sequenza), non ha altrettanta dimestichezza con la stampa: la giornalista del suo Ana Arabia intervista una famiglia allargata per un’ora e mezza senza registrare, annotando solo due parole e guardando più le mura che le persone, come se fosse lì per calcolare l’Imu.

Mentre il riempimento medio delle sale della Mostra s’eleva dal 52% dell’anno scorso al 57%, i biglietti del 15, 9 e gli incassi del 10, i buchi lasciano spazio ai vasi comunicanti: perché Still Life di Uberto Pasolini, che lascia la sala in lacrime per troppi applausi, non è in concorso? E che dire delle travolgenti evirazioni del Moebius di Kim Ki-duk rimaste fuori dai giochi: forse, perché Pietà si prese l’anno scorso il Leone che non meritava? E perché non mandare alla deriva Under the Skin e Parkland e non imbarcare Locke con Tom Hardy? Il direttore Alberto Barbera sorride: “Altrimenti di che cosa parlereste?”. Del buco?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Raindance film festival 2013, gli italiani partecipano con sette film

prev
Articolo Successivo

Festival di Venezia 2013, Bertolucci: “Rosi? Ha vinto perché ci ha sorpreso”

next