La tensione in Turchia continua a rimanere alta. Ieri il premier Erdogan aveva avvertito i manifestanti che la pazienza del governo “ha un limite” e nella notte ad Ankara si sono registrati nuovi scontri tra dimostranti e polizia. E se Twitter è uno dei principali mezzi utilizzati da chi protesta per diffondere le proprie ragioni eper denunciare le violenze subite, il social network viene anche utilizzato dall’esecutivo come strumento per individuare i “ribelli“. 

Così, dopo gli arresti di martedì scorso, altri 13 manifestanti sono finiti in manette ad Adana, nella Turchia sud orientale, con l’accusa di aver incitato ai disordini con dei messaggi diffusi su twitter, riferisce l’agenzia Dogan. Saranno deferiti a un giudice.

In precedenza erano stati  34 i giovani manifestanti sotto i 20 anni che erano stati arrestati con la stessa accusa a Smirne, e altri 5 a Adana venerdì, secondo la stampa turca, dopo che il premier Recep Tayyip Erdogan aveva denunciato i social network come una “cancrena”.

Sono centinaia di migliaia i manifestanti che nelle ultime due settimane sono scesi in piazza in Turchia chiedendo le dimissioni di Erdogan. E anche i mercati stanno risentendo dei disordini nel Paese. L’ Hurriyet online ha riferito che l’apertura della Borsa di Istanbul è stata rinviata, ufficialmente per motivi tecnici. Piazza affari aveva registrato un calo del 10% lunedì scorso. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Armi convenzionali, firmato il trattato. “Diritti umani al primo posto”

prev
Articolo Successivo

Istanbul, sulle barricate dei rivoltosi

next