Gianni Alemanno scende una seconda volta nel suo quartier generale dopo il discorso di Ignazio Marino ed afferma: “Nessuna recriminazione col Pdl e con Berlusconi“, provando così a spegnere sul nascere le polemiche con il partito maggiore del centrodestra che ha perso tutti i ballottaggi contro il centrosinistra. “Il punto grave – precisa il sindaco uscente della Capitale – è l’astensionismo. Non serve fare lo scarica barile, mi prendo tutte le colpe io. Questo non è il de profundis della destra, abbiamo le energie per ripartire, noi siamo la speranza e il futuro di Roma”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Roma 2013, Marino: “Sarò il sindaco di tutti”

next
Articolo Successivo

Roma, vox tra gli elettori del Pd: “E’ la vittoria di Marino più che del partito”

next