Unidici miliardi di euro. E’ quanto l’Agenzia delle entrate punta a erogare nel 2013 alle imprese come rimborsi Iva in conto fiscale, secondo quanto dichiarato dal direttore Attilio Befera in una lettera in cui invita i direttori regionali “a dedicare ogni risorsa utile alla liquidazione dei rimborsi nei prossimi 4 mesi”.

“Relativamente ai crediti fiscali – si legge nella lettera – il ministro dell’Economia, con l’atto di indirizzo per il conseguimento degli obiettivi di politica fiscale per gli anni 2012-2014, ha espressamente previsto una tempestiva liquidazione dei rimborsi, tale da consentire alle imprese di non dover sopportare un aggravio degli oneri finanziari derivanti dall’anticipazione di pagamenti di natura tributaria”.

Il governo, spiega il direttore, per consentire all’Agenzia di fornire “un tangibile sostegno alle imprese per superare il difficile momento“, sta prevedendo consistenti accelerazioni negli stanziamenti per il pagamento dei rimborsi. “Per questo motivo – aggiunge – ritengo indispensabile che venga profuso il massimo impegno per rafforzare il presidio dei processi connessi alla liquidazione dei rimborsi fiscali, dedicando il maggior numero di risorse possibili alla loro lavorazione anche impiegando risorse dedicate attualmente ad altra attività”.

Allo stato attuale i rimborsi Iva in conto fiscale già disposti sono pari a 2 miliardi di euro “ed è pertanto necessario che si proceda immediatamente alla lavorazione dei rimborsi richiesti e non ancora controllati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scenari per l’economia italiana: il costo dell’incertezza politica

prev
Articolo Successivo

Le tasse in arrivo nel 2013: la crisi ancora nelle nostre tasche

next