Dunque il tanto atteso (e temuto, almeno da me) duello tra Grasso e Travaglio pare non si faccia, né stasera, né domani, né mai. E – credetemi – sarebbe una bella fortuna. Infatti, bisogna essere davvero ingenui (oppure un po’ furbetti) per credere e far credere che questi confronti televisivi siano un momento di trasparenza da cui i cittadini possono trarre conoscenza approfondita del problema e una conseguente opinione fondata sui fatti.

Non è mai accaduto in vent’anni di dominio informativo del talk show e dei formati simili. E tanto meno può accadere quando l’oggetto di dibattito è una faccenda così intricata, piena di intrecci tra atti giudiziari e legislativi, carte che tutti si dicono pronti a mostrare ma la cui decifrazione non è certo cosa da tutti. In realtà ciò che i cittadini-telespettatori possono giudicare (e sempre giudicano) davanti a un simile confronto non è e non può essere la verità dei fatti ma il valore dei contendenti: chi è più convincente, chi propone le sue ragioni con maggior chiarezza ed efficacia, chi riesce a mettere in difficoltà l’avversario, chi risulta più credibile e simpatico.

Sono decenni che andiamo avanti su questa strada e ancora non ci bastano i guai che ha prodotto? Il talk politico italiano – è sempre bene ricordarlo – è un format che nasce dai processi biscardiani, dal confronto serrato, teso attorno a un fuorigioco non fischiato o a un rigore assegnato: questioni – intendiamoci – complesse, di difficile interpretazione non meno di quelle che riguardano la carriera del Presidente del Senato.

E’ quello il modello televisivo vincente e popolare che si applica alla lettura della politica. Ma come nel suo progenitore e modello biscardiano, a far scegliere quale parte prendere è il tifo, un pre-giudizio, per cui le immagini confermeranno ai tifosi romanisti che il rigore concesso alla loro squadra c’era, mentre i tifosi laziali dedurranno dalle stesse immagini il contrario. E, allo stesso modo, i simpatizzanti di Travaglio avrebbero visto nei documenti presentati i trucchi orditi da Grasso e i sostenitori di Grasso l’inconsistenza delle accuse di Travaglio. Così funziona questo genere di tv e non c’è in questi formati nessuna possibilità di fare un passo avanti nella conoscenza. Al di là della simpatia, del tifo e delle abilità retoriche, i fatti si annullano a vicenda e la comunicazione si trasforma in quello che Enzesberger considerava la tv: il medium zero. 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

La7 ufficializza: “Grasso da Formigli”. Travaglio: “Anticipiamo dalla Gruber”

next
Articolo Successivo

Grasso-Travaglio: giornalismo e politica, la coppia che scoppia

next