Il fallimento Enron ha già l’aura del grande fatto storico e l’impatto simbolico di una profezia avverata, tanto più se a raccontarne la vicenda si va su un palcoscenico di Parma. È infatti il Teatro Due a mettere in scena per la prima volta in Italia Enron di Lucy Prebble (dal 23 febbraio al 3 marzo ore 21,00, domenica ore 16,00). L’autrice, inglese, classe 1981, è conosciuta per aver scritto la serie televisiva Diario segreto di una squillo e diversi testi teatrali di successo. Qui è alle prese con una ricostruzione puntuale e drammatica dello scandalo finanziario che nel 2001 ha rotto l’incanto della finanza trionfante.

La scrittrice ha ricostruito la mentalità e le strategie di manager come il presidente della società Kennet Lee Lay e l’amministratore delegato Jeffrey Skilling, che in dieci anni di crescita vertiginosa e drogata della multinazionale hanno creato la cosiddetta “corporate culture”, incarnazione dell’avidità capitalista, dell’euforia finanziaria, di un sistema dopato, corrotto e insostenibile. “Sono i Macbeth del mondo aziendale globale, ha dichiarato Lucy Prebble, perché le conseguenze delle loro azioni ricadono su migliaia d’individui”. Il quartier generale dell’azienda diventa così la brechtiana città di Mahagonny, centro del denaro e della perdita di valori di un’intera società. Molti sono gli echi del grande teatro classico, ha spiegato la Prebble, perché quest’epopea del potere è “il perfetto materiale della tragedia”. Per dare vita a questa drammaturgia il Teatro Due ha unito le forze del sue Ensemble Attori con quelle del Balletto Civile di Michela Lucenti affidando la regia a Leo Muscato, in scena tra gli altri Roberto Abbati e Maurizio Camilli.

Molti sono i punti in comune tra i casi Enron e Parmalat, entrambi diventati plot emblematici e modelli di frode e di falsificazione finanziaria. Se ne parlerà, sempre al Teatro Due, martedì 26 febbraio 2013 alle ore 17.30 con Giulio Sapelli, autore del libro Giochi proibiti – Enron e Parmalat capitalismi a confronto (ed. Bruno Mondadori 2004).

Teatro Due, Borgo Salnitrara Parma, per informazioni e acquisto dei biglietti 0521 230242, biglietteria@teatrodue.org e www.teatrodue.org. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aspettando roBot ’06 l’elettronica di Kuedo e Jimmy Edgar al Tpo

next
Articolo Successivo

Visioni Italiane, cinema made in Emilia tra orti, carceri e invasione degli zombie

next