Tra novembre e dicembre sono stati persi 186mila posti di lavoro. E’ quanto emerge da un rapporto del centro studi di Confindustria, che suona un campanello d’allarme su diversi altri fronti: dalla frenata della crescita alla scarsa fiducia delle famiglie, passando per la redditività delle imprese in continuo calo. “Il mercato del lavoro è bruscamente peggiorato alla fine del 2012”, avverte il report, spiegando che sono stati persi 104mila posti a dicembre e 82mila a novembre.

Negli ultimi tre mesi dell’anno scorso, secondo le stime di Confindustria, il tasso di disoccupazione è rimasto costante all’11,2 per cento, +0,5 punti percentuali rispetto al trimestre precedente, mentre a dicembre la forza lavoro ha registrato un calo dello 0,4 per cento rispetto a novembre. Arriva così una ulteriore conferma dopo l’allarme lanciato nei giorni scorsi dalla Cgil, che aveva segnalato nove milioni di lavoratori in “drammatica difficoltà” nel Paese, dopo “un anno nero per l’occupazione”.

Tra gli altri “segnali di scoraggiamento“, il dossier di Confindustria annuncia come il calo del Prodotto interno lordo italiano nel quarto trimestre 2012 (-0,9 per cento sul precedente) sia superiore alle attese e lascia al 2013 una variazione acquisita di -1 per cento che costringe a rivedere al ribasso le stime. Anche se ”gli indici anticipatori confermano progressi nei mesi a venire”, soprattutto nel settore manufatturiero, il centro studi di Confindustria avverte che “il quadro nel complesso è di estrema debolezza e fragilità“.

Il report segnala poi che la fiducia delle famiglie è al minimo storico e di conseguenza soffrono anche gli acquisti, come conferma il nuovo crollo per le auto in gennaio. Il rapporto avverte infine che “le condizioni per il credito sono divenute ancora più strette”, confermando l’avvertimento diffuso nei giorni scorsi dall’Associazione bancaria italiana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd vuole cedere sovranità all’Eu e Berlusconi spaventa i mercati

prev
Articolo Successivo

Montezemolo, Italo in perdita. E i soci francesi svalutano la loro quota

next