Chi davvero ha ancora a cuore le sorti della Rai non può che gioire per i risultati quantitativi e qualitativi che hanno segnato Sanremo. Per questi risultati un grazie va detto al direttore di Rai1 Leone, agli autori, ai protagonisti, a chi, dietro le quinte, e in modo oscuro, ha reso possibile questo risultato.

Essere riusciti a coniugare grandi ascolti, garbo, stile e libertà critica non era affatto scontato.

Ci auguriamo che sia davvero un nuovo inizio per il servizio pubblico.

Un grazie infine anche a chi in questi anni, da Paolo Ruffini a Antonio Di Bella, da Nino Rizzo Nervo all’attuale direttore di Rai3 Andrea Vianello, non ha mai alzato bandiera bianca e ha sempre difeso quei Fazio, Littizzetto, Crozza, Marcoré, per citarne solo alcuni, che oggi tutti celebrano, ma che, appena qualche tempo fa, stavano per essere cacciati dalla banda del conflitto di interessi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival di Sanremo, fine dell’egemonia della banalità

prev
Articolo Successivo

La7 in vendita, il fondo Clessidra “apre” a Mentana: “Possibile presidente”

next