Gli stili e le tecniche del teatro di ricerca hanno rivelato negli anni un’inaspettata trasmissibilità: quei caratteri irripetibili che sembravano indissolubilmente legati al corpo e ai pensieri di certi attori, registi e autori si sono rivelati fecondi, trasformabili, rigenerabili nel contatto con le diverse sensibilità di allievi e nuovi interpreti. È questo il caso del Teatro della Valdoca, che ha inserito organicamente in compagnia giovani artisti di diverse discipline per realizzare il lungo percorso della Trilogia della gioia, la cui seconda parte Ora non hai più paura debutta l’1 febbraio 2013 al Teatro Bonci di Cesena (inizio alle ore 21). Il progetto e la regia sono di Cesare Ronconi, coautore è il musicista Enrico Malatesta, in scena Silvia Mai, Chiara Orefice, Sveva Scognamiglio.

Cesare Ronconi è inscenatore di creazioni dal forte impatto visivo, con luci, costumi e spazi eleganti, indecifrabili e straniati, capace di realizzare sia grandi spazi scenici di stampo quasi operistico, come nella Trilogia Paesaggio con Fratello rotto e in Caino in cui ha portato sul palcoscenico le parole della poetessa di scena Mariangela Gualtieri, sia essenziali concentrazioni sul corpo del performer, come in Fuoco Centrale e altri seminali lavori degli anno Novanta o anche nel più recente lavoro con Muna Mussie. In questo caso, dicono le note di regia, più che guidare le sue performer le ha “guardate” e ha lasciato vivere le loro relazioni, la loro affettività e sapienza di corpi fortemente capaci di espressione: “Ora non hai più paura, ha scritto Cesare Ronconi, è incredibilmente lontano da ogni virtualità, quasi un’esortazione non solo alla vicinanza e all’abbraccio, ma ad un vicendevole, umano portarsi in braccio”. 

Dopo il debutto a Cesena lo spettacolo al Teatro Pubblico di Casalecchio (già Teatro Testoni) l’11 e il 12 marzo.

 

Informazioni e prenotazioni Teatro Bonci Cesena 0547 355959 – info@teatrobonci.it   – www.teatrobonci.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arctic Monkeys, tour 2013: le due date italiane a Ferrara e Roma

next
Articolo Successivo

Nozze di Figaro a Modena con gli allievi della scuola di Mirella Freni

next